Recensione SteelSeries Arctis Pro Wireless: cuffie da gioco di fascia alta con anni di esperienza

Arctis Pro Wireless è più facile da consigliare rispetto al suo vecchio predecessore Siberia 800, ma ci sono ancora delle avvertenze.

Games Reporter, PCWorld |

Le migliori offerte tecnologiche di oggi

Scelto dagli editori di PCWorld

Migliori offerte su ottimi prodotti

Scelto dagli editori di Techconnect

SteelSeries Arctis Pro Wireless

Che cosa c'è in un nome, comunque? No seriamente, SteelSeries vuole davvero mettere alla prova quel vecchio adagio. Nel 2013 ho provato SteelSeries H Wireless, un auricolare premium da $ 300 con batterie sostituibili, una stazione base ingombrante ma estremamente utile e un audio decente (per l'epoca). Poi l'H Wireless è stato tranquillamente ribattezzato SteelSeries Siberia 800. Successivamente SteelSeries ha rilasciato Siberia 840, lo stesso auricolare ma con supporto Bluetooth aggiunto.

E ora passa attraverso il suo ultimo cambio di nome, diventando SteelSeries Arctis Pro Wireless. È ancora a nord di $ 300, presenta ancora le stesse batterie sostituibili e la stessa stazione base. Praticamente tutto il resto è cambiato, però, in meglio.

Questa recensione fa parte della nostra carrellata delle migliori cuffie da gioco. Vai lì per i dettagli sui prodotti concorrenti e su come li abbiamo testati.

Look nuovo di zecca

Concettualmente, ricopre lo stesso ruolo del Siberia 800, ma Arctis Pro Wireless è una sostanziale riprogettazione, portando le cuffie di fascia alta di SteelSeries di pari passo con il resto dell'attuale formazione Arctis. In altre parole: se hai visto Arctis 5 o Arctis 7, Pro Wireless dovrebbe sembrarti familiare.

Fondamentalmente, SteelSeries ha preso il vecchio design della fascia fluttuante della Siberia e lo ha rielaborato con nuovi materiali e un profilo più elegante. Quando la linea Arctis è stata presentata per la prima volta, si è parlato molto di "abbigliamento sportivo" e, sebbene SteelSeries sembra aver rifiutato quel messaggio, il risultato è lo stesso. L'archetto è una sottile lamiera di metallo con imbottitura simile a una maschera da sci.

IDG / Adam Patrick Murray

Sembra strano ma è incredibilmente comodo. Il problema più grande con i design della fascia fluttuante è che di solito si sentono troppo stretti, causando una sensazione dolorosa sulla sommità della testa, o (più spesso) si sentono come se cadessero subito. Arctis Pro Wireless, come l'Arctis 7 prima di esso, si trova a cavallo della linea: è rassicurantemente stretto, ma anche abbastanza morbido ed elastico per essere indossato tutto il giorno.

La situazione è effettivamente migliorata con Arctis Pro Wireless. L'Artis 7 ha utilizzato una fascia d'acciaio per la struttura di base, che era forte ma relativamente pesante. Il Pro Wireless passa a un cinturino in alluminio, che dovrebbe dimostrarsi altrettanto resistente ma con meno peso che si sposta sulla testa.

L'unico problema è che l'archetto è un po 'piccolo. Scommetto di avere una testa di dimensioni piuttosto medie, o almeno di solito non mi imbatto in problemi di dimensioni con gli auricolari, ma corro contro i limiti di Arctis Pro Wireless. Se hai la testa grossa (letteralmente, non metaforicamente) potresti voler cercare altrove.

In ogni caso, è un territorio completamente nuovo per le cuffie di lusso di SteelSeries. L'H Wireless aveva un aspetto relativamente docile, da boutique di elettronica da centro commerciale. Arctis Pro Wireless è molto più esclusivo, pur mantenendo il marchio discreto e l'aspetto elegante di un dispositivo di fascia alta.

IDG / Adam Patrick Murray

Passare all'estetica Arctis significa anche abbandonare i vecchi padiglioni circolari H Wireless. Finalmente. Con l'H Wireless, ho sempre trovato la punta delle mie orecchie che sfiorava la parte superiore e inferiore dell'imbottitura. Arctis Pro Wireless si sposta su ovali di dimensioni generose e di conseguenza è più confortevole per i campionati.

La funzionalità di base di H Wireless viene tuttavia mantenuta. Il padiglione auricolare destro è sormontato da una copertura magnetica. Sollevalo e vedrai un vano batteria. In qualsiasi momento avrai una batteria nell'auricolare stesso e l'altra nella stazione base, dove verrà ricaricata.

È una caratteristica unica per la quale ho ancora un debole. È anche, ad essere onesti, una funzionalità sempre più inutile: l'Arctis 7 di SteelSeries dura fino a 24 ore al giorno d'oggi, così come molti altri auricolari concorrenti. È probabile che finirai la carica se sei diligente nel collegare le cuffie ogni notte? Praticamente zero.

Ma non siamo sempre diligenti e rimanere senza batteria a metà partita è una seccatura. La maggior parte delle volte, significa che l'auricolare wireless diventa temporaneamente cablato mentre aspetti che si ricarichi. Con Arctis Pro Wireless, devi semplicemente estrarre la vecchia batteria (ciascuna dura fino a 10 ore) e inserire quella nuova. Senza soluzione di continuità.

IDG / Adam Patrick Murray

Anche la stazione base è ancora eccezionale. La chiave è che si tratta di un utile ricevitore wireless, non solo un dongle generico o un oggetto di marca. Insieme a un indicatore della batteria, tutte le funzionalità che le aziende incorporano nel software (mix di chat, EQ, suono surround) possono essere facilmente regolate tramite lo schermo LED sulla parte anteriore. È possibile utilizzare la manopola sulla stazione base stessa o utilizzare i controlli sull'auricolare effettivo. La rotella del volume funge anche da rotella cliccabile, permettendoti di navigare nei menu di Arctis Pro Wireless dall'altra parte della stanza.

Risparmio di tempo enorme? Forse no. Tuttavia, l'ho sempre trovata una scatola dall'aspetto piuttosto attraente e il cielo sa che potrei usare meno utilità software di merda nella mia vita. Consente inoltre di aprire l'auricolare a un'ampia gamma di dispositivi. Ci piacciono i PC qui in questo sito, ma Arctis Pro Wireless gestirà anche segnali aux da 3,5 mm e segnali ottici, sia in entrata che in uscita. Con il supporto Bluetooth integrato, Arctis Pro Wireless dovrebbe connettersi praticamente a qualsiasi dispositivo moderno che possiedi, e anche ad alcuni.

$ 300 di suono? Eh

Anche Arctis Pro Wireless suona molto meglio dei suoi predecessori. Nessuna sorpresa: durante la recensione di Arctis 7 l'anno scorso, ho detto che suonava meglio del Siberia 800. Spero sicuramente che Arctis Pro dimostrerà progressi simili.

Tuttavia, l'audio non è mai stato il punto di forza di H Wireless / Siberia 800. Era un auricolare di fascia media con un prezzo di fascia alta, sostenuto da un sistema di ricarica della batteria (o "espediente") e da una serie di altre caratteristiche di nicchia per la qualità della vita. Mi sono piaciuti alcuni aspetti, ma Siberia 800 era sempre più difficile da consigliare poiché il livello wireless da $ 150 è migliorato negli ultimi anni.

Videos about this topic

BEST BLUETOOTH SPEAKER?? | Bose soundlink REVOLVE *REVIEW* | AUDIO SAMPLE & COMPARISON
Bose Soundlink Revolve (w/ guest JBL CHARGE 3) - REVIEW
Bose Soundlink Revolve Plus review and sound test
BOSE Soundlink Revolve Review
Bose SoundLink Revolve Review 2020
Bose Revolve (2017) VS Soundlink Mini 2 (2015) - COMPARED