Recensione del monitor 4K Ultra HD da 43 pollici Philips BDM4350UC

Tutti quei pixel extra possono aumentare la tua produttività?

È un monitor? È una TV? È il Philips BDM4350UC

  • Hai a disposizione numerose opzioni di connettività, incluse 4 porte USB 3.0
  • PIP e PBP supportati per consentirti di visualizzare più di una sorgente alla volta
  • Il monitor è dotato di buoni altoparlanti integrati che lo rendono ideale per l'uso come TV

I laptop possono rappresentare la maggior parte delle vendite di computer, ma è difficile discutere contro i vantaggi di un grande schermo, soprattutto quando devi destreggiarti tra più app contemporaneamente. Un grande display ad alta risoluzione apre possibilità che nemmeno i laptop più grandi possono ambire a eguagliare.

E non sono molto più grandi del monitor che esamineremo oggi. Abbiamo avuto la possibilità di trascorrere alcune settimane utilizzando il Philips BDM4350UC, un monitor LCD 4K da 43 pollici, per vedere se uno schermo davvero grande può aumentare la tua produttività. Potrebbe essere questo il monitor dei tuoi sogni? È ora di scoprirlo.

Design e specifiche Philips BDM4350UC

Date le sue dimensioni, non sorprende che il Philips BDM4350UC assomigli più a un televisore che a un monitor tradizionale. Nella maggior parte dei casi, i monitor, tranne quelli con proporzioni atipiche, sembrano televisori più piccoli, tranne per il fatto che la maggior parte di essi ha supporti che consentono di regolare la loro posizione in modi per cui i televisori non sono progettati.

Ma il Philips BDM4350UC assomiglia a qualsiasi televisore delle sue dimensioni. In effetti, l'installazione di questo monitor comporta il fissaggio di due gambe che sporgono un po 'su entrambi i lati del monitor, proprio come abbiamo visto con televisori a grande schermo di Xiaomi e altri. Non avevamo un tavolo abbastanza grande per ospitare questo monitor fissato alle sue gambe, quindi abbiamo deciso di lasciarli nella scatola.

Per fortuna, il monitor è ancora abbastanza stabile da reggersi da solo senza problemi, ed è così che lo abbiamo utilizzato per l'intera durata del nostro periodo di prova. Anche se c'è una leggera inclinazione sulla schiena quando è in questa posizione, non è sicuramente stabile come sarebbe con le gambe e non consigliamo di usarlo in questo modo nel mondo reale. Con o senza le gambe, non c'è modo di regolare l'altezza del monitor, né hai la possibilità di inclinare o ruotare il display in alcun modo, il che è un po 'un cambiamento rispetto a molti comuni monitor di dimensioni standard.

Le dimensioni di questo monitor sono qualcosa che devi tenere a mente prima di acquistarlo, poiché fisicamente potrebbe non essere solo un sostituto plug-and-play per, ad esempio, il monitor da 24 pollici che stai attualmente in uso. Ha un supporto VESA standard da 200 x 200 mm per il montaggio a parete o per un supporto VESA di terze parti che potrebbe consentire la regolazione dell'inclinazione e della rotazione che manca al monitor da solo.

Le cornici non sono particolarmente grandi, ma questo non è un monitor edge-to-edge e si potrebbe sostenere che non sia necessario a causa delle sue dimensioni. Non abbiamo mai notato le cornici, probabilmente perché c'era così tanto spazio sullo schermo che occupava il nostro campo visivo. Il design complessivo ha un aspetto e una sensazione eccellenti e questo monitor non assomiglia alla maggior parte dei televisori economici che abbiamo visto di recente.

Un piccolo pezzo di plastica fuoriesce dal centro in basso. Questo pezzo presenta un logo Philips e un piccolo LED che rimane acceso senza attirare l'attenzione quando il dispositivo è acceso e lampeggia delicatamente quando è in modalità standby.

Tutte le porte sono sul retro, sul lato sinistro (quando si arriva all'indietro dalla parte anteriore) vicino al fondo, ad eccezione della presa di alimentazione che si trova sulla destra. Ottieni due porte HDMI 2.0 (con MHL), due porte DisplayPort 1.2 e una porta VGA per l'input. Inoltre, sono disponibili quattro porte USB 3.0, una delle quali è elencata per supportare la "ricarica rapida" e una porta di ingresso USB per collegare le porte USB del monitor al computer. Anche le porte di ingresso e uscita audio (3,5 mm) vengono inserite per buona misura. Come abbiamo notato, tutte queste porte sono rivolte verso l'esterno, il che non si è rivelato un problema per noi, ma potrebbe essere un problema se desideri montare questo monitor a parete.

Il Philips BDM4350UC offre molte porte

Il pannello misura 42,51 pollici (108 cm) in diagonale, il che consente a Philips di commercializzarlo come monitor da 43 pollici. La risoluzione nativa di 3840x2160 pixel è supportata fino a 60 Hz, con un tempo di risposta tipico dichiarato di 5 ms. Si dice che la luminosità massima sia di 300 nit, con un tipico rapporto di contrasto di 1200: 1. Il pannello non supporta l'HDR. Ci sono due altoparlanti integrati da 7 W ciascuno, il che suona come una buona idea in teoria, e presto scopriremo come si comportano nel mondo reale.

Il monitor supporta anche le modalità Picture-in-Picture (PIP) e Picture-by-Picture (PBP) che consentono di visualizzare l'input da più di un dispositivo contemporaneamente. Non ci sono pulsanti nella parte anteriore: c'è solo un pulsante in stile joystick nella parte posteriore vicino in basso a destra che viene utilizzato per controllare tutte le impostazioni. Ci vuole un po 'per abituarsi al posizionamento e al funzionamento di questo pulsante, ma dopo un paio di giorni con il monitor lo stavamo cercando e regolando le impostazioni alla cieca senza problemi. Un pulsante di accensione che può essere premuto per accendere o spegnere il monitor si trova anche sul retro, sebbene non sia così facile da raggiungere.

Prestazioni Philips BDM4350UC

In questa sezione, ci concentreremo su due aree principali: la prima, come è utilizzare un monitor di queste dimensioni quotidianamente e l'impatto che può avere sulla tua produttività. La seconda è la performance di questo pannello stesso, in cui esamineremo alcuni benchmark e altri test formali.

Abbiamo collegato il monitor a un Mac mini e macOS ha impostato la risoluzione 4K nativa per impostazione predefinita. Non abbiamo avuto problemi a leggere il testo e la maggior parte degli altri elementi sullo schermo, quindi non ci siamo preoccupati di ridimensionare a una risoluzione inferiore, sebbene il tuo chilometraggio possa variare. Gli unici elementi dell'interfaccia utente che sembravano un po 'troppo piccoli per il nostro comfort erano la barra dei menu nell'angolo in alto a destra dello schermo. Il passaggio alla risoluzione 3200 x 1800 ha prodotto una migliore esperienza.

Detto questo, abbiamo adorato i pixel extra offerti dalla risoluzione nativa e siamo tornati ad essa in pochissimo tempo, decidendo di convivere con il leggero disagio delle icone della barra dei menu più piccole. Come ti aspetteresti, il pannello 4K alla sua risoluzione nativa ti offre un'enorme quantità di spazio e, in quanto persona che si destreggia costantemente tra più finestre, abbiamo deciso di sfruttarlo al meglio.

Abbiamo dedicato una parte dello schermo al nostro client di posta elettronica, un'altra al browser, una a Slack (la nostra applicazione di chat) e un'altra a Google Analytics, che amiamo tenere d'occhio in tempo reale. Avevamo ancora un sacco di immobili rimasti per altre finestre. Sebbene sia stato fantastico poter tenere sotto controllo così tante applicazioni contemporaneamente, abbiamo notato alcuni modelli nel nostro utilizzo.

Nonostante avessimo tutti i pixel aggiuntivi, tendevamo a posizionare l '"applicazione principale", ovvero qualsiasi cosa su cui ci stavamo concentrando in quel momento, vicino alla parte inferiore sinistra dello schermo. Quindi, mentre la finestra dell'elenco dei messaggi del client di posta rimaneva in alto a sinistra dello schermo, abbiamo composto le e-mail in basso a sinistra (per fortuna l'app di posta di macOS ricorda la posizione della finestra dopo che l'hai trascinata una volta). Abbiamo scoperto che la metà superiore del display era in gran parte inutile per qualsiasi altra cosa oltre al monitoraggio di app che richiedono uno sguardo occasionale.

Sebbene la possibilità di visualizzare sullo schermo documenti di grandi dimensioni in una finestra alta suona bene in teoria, abbiamo riscontrato che guardare a lungo il terzo superiore (almeno, se non la metà superiore) dello schermo richiede anche tanto impegno, e sembra quasi di guardare un film in prima fila. Pensiamo che tutti finiranno per avere "punti deboli" in cui si svolge la maggior parte dell'azione, con tutto il resto alla periferia.

Ci sono altri problemi sorti a causa delle stranezze di macOS combinate con le nostre abitudini di utilizzo. Le notifiche delle app Mac vengono visualizzate nell'angolo in alto a destra dello schermo e questo è un comportamento che non può essere modificato (a parte disabilitare del tutto le notifiche, ovviamente). Ciò significa che se ti concentri sulla parte inferiore sinistra dello schermo come noi, è fin troppo facile perdere le notifiche a causa delle dimensioni del display. Anche quando siamo riusciti a catturarli, a volte sembrava uno sforzo eccessivo spostare la nostra attenzione nell'angolo in alto a destra e poi di nuovo su ciò su cui stavamo lavorando.

Abbiamo anche avviato Windows sul nostro Mac mini per vedere com'è stata l'esperienza. Per impostazione predefinita, Windows ha fatto ricorso al ridimensionamento del 300 percento, ma siamo passati al 100 percento e l'esperienza è stata abbastanza simile a quella che abbiamo notato con macOS sopra. Il testo era nitido, anche a 8 punti, e l'esperienza complessiva non era affatto quella che ricorderesti collegando il tuo vecchio televisore a grande schermo non 4K al computer alcuni anni fa.

Ovviamente per ottenere il massimo da un monitor di questo tipo, alcune persone potrebbero dover cambiare alcune abitudini. Molti utenti che sono cresciuti utilizzando Windows sono abituati a massimizzare la loro finestra corrente e a utilizzare Alt-Tab per passare da un'app all'altra. Se sei una persona sposata con quello stile di lavoro, a meno che tu non stia utilizzando app come Photoshop o altre app di livello professionale, è improbabile che tu possa trarre molti vantaggi da un monitor di queste dimensioni e probabilmente vedrai un enorme bianco (o nero) bande su entrambi i lati dei tuoi contenuti.

Alcuni di voi potrebbero essere preoccupati per l'affaticamento degli occhi associato all'utilizzo di un display così grande a distanze relativamente brevi. Non abbiamo riscontrato alcun disagio fisico durante l'utilizzo di questo monitor, ma abbiamo trascorso quasi ogni momento di veglia per la parte migliore degli ultimi 30 anni davanti a uno schermo o all'altro, quindi probabilmente non siamo i più adatti a commentare il soggetto di affaticamento degli occhi e consigliamo invece di ottenere il parere di un professionista medico autorizzato.

Come accennato in precedenza, immergersi nelle impostazioni del monitor richiede di raggiungere il pulsante in stile joystick, ma ci siamo abituati e il layout del menu abbastanza rapidamente. Le impostazioni ti consentono di controllare le cose di base come la sorgente di ingresso corrente, il formato dell'immagine (widescreen, 4: 3 o 1: 1, anche se quest'ultimo sembrava non avere alcun effetto e imitava il widescreen), la temperatura del colore, la correzione della gamma, la luminosità, il contrasto e praticamente tutto il resto che potresti aspettarti (vedi le immagini sotto).

Impostazioni OSD Philips BDM4350UC

Ci sono un sacco di funzionalità standard sotto i nomi commerciali di Philips, come i preset SmartImage che sono presumibilmente ottimizzati per gli scenari di film, giochi e ufficio e SmartResponse che è progettato per ottimizzare i tempi di risposta e ridurre il ritardo durante il gioco. Siamo rimasti abbastanza soddisfatti delle impostazioni predefinite, ma è bene sapere che esistono opzioni per coloro che desiderano un po 'più di controllo.

La nostra parte preferita del pannello delle impostazioni era quella relativa a PIP e PBP. Il primo ti dà un riquadro che occupa una parte dello schermo. È possibile selezionare quale sorgente deve essere l'ingresso principale e quale deve essere l'inserto. Puoi personalizzarne la posizione (in alto a sinistra, in basso a sinistra, in basso a destra, in alto a destra) e le dimensioni (piccolo, medio, grande), con l'inserto che occupa poco meno di un quarto dello schermo al suo dimensione massima.

PIP su Philips BDM4350UC con un'Apple TV nel riquadro

Lo abbiamo trovato utile, ad esempio, mentre lavoravamo sulla schermata principale con un'Apple TV collegata in modo da poter seguire una partita di cricket continuando a lavorare. Sì, puoi farlo facilmente aprendo Hotstar in una finestra del browser sul tuo computer, ed entrambi i modi hanno i loro vantaggi e svantaggi.

Abbiamo apprezzato la possibilità di utilizzare il telecomando di Apple TV per controllare il video che stavamo guardando senza interrompere ciò su cui stavamo lavorando, anche se lo svantaggio è che non siamo riusciti a controllare l'esatto posizionamento del riquadro, come faresti tu a finestra sul tuo computer. il che significa che può finire per coprire importanti elementi sullo schermo. Vorremmo che ci fosse un modo per utilizzare il joystick per posizionare il riquadro esattamente dove si vuole.

PBP ti consente di posizionare due, tre o quattro sorgenti fianco a fianco, senza alcuna sovrapposizione. Questo non ci è piaciuto molto, ma il tuo chilometraggio potrebbe variare. È un bel modo per avere, diciamo, lo stesso computer e Apple TV che funzionano fianco a fianco in modo che uno non si intrometta l'altro. Per ottenere il massimo da questa modalità, è meglio impostare la risoluzione del computer su 1080p, poiché ogni ingresso in modalità PBP viene renderizzato in risoluzione full HD.

PBP con due, tre e quattro sorgenti. Avevamo solo due dispositivi collegati, da qui la ripetizione.

Nella schermata PassMark MonitorTest Master, in esecuzione alla risoluzione 4K nativa nel rapporto 16: 9, la griglia in alto a sinistra con una spaziatura dei pixel di un pixel appariva come un colore grigio uniforme invece di singole linee di pixel neri. Siamo passati a 4: 3 e abbiamo potuto vedere le singole linee. Tuttavia, il cerchio centrale che dovrebbe essere un cerchio a 4: 3 era più ovale, mentre sembrava essere un cerchio perfetto a 16: 9. Il contrario è accaduto con i quattro cerchi più piccoli negli angoli. Non abbiamo notato sfocature o sbavature nei sei quadrati colorati vicino al centro. Anche tutto il resto sullo schermo era come previsto.

Gli schermi a tinta unita del benchmark sembravano a posto, così come gli schermi Scale Black-Red e Black-Blue, sebbene la Scale Black-Green apparisse come una serie di linee verdi verticali distinte di diverse sfumature, invece di un gradiente uniforme come negli altri schermi. Nei test Gamma Red, Green e Blue, abbiamo notato che la barra rettangolare è sbiadita sullo sfondo al livello Gamma 1.16. Nel test dei caratteri, il testo in 6 punti era quasi leggibile, con singoli caratteri distinti come ci si poteva aspettare.

Nel test Eizo basato su browser, abbiamo notato problemi simili a PassMark nella schermata di apertura, con i quadrati che appaiono come singole linee bianche e nere in risoluzione 4: 3, ma come un quadrato grigio a 16: 9. Non abbiamo notato pixel difettosi in nessuno dei colori. Nel test dell'uniformità, abbiamo notato che con il 25% di grigio, la metà destra dello schermo era più luminosa di quella sinistra, soprattutto più vicina al bordo.

Il monitor è andato molto bene nel test delle distanze dei colori, il che significa che può differenziare sufficientemente tra colori simili. I nostri test sui gradienti di colore hanno riportato risultati simili a PassMark, con il verde l'unico che si è distinto come un po 'strano.

Il Philips BDM4350UC si è distinto nel test di nitidezza del testo, con scenari sia bianco su nero che nero su bianco. Tuttavia, il test degli angoli di visualizzazione non è andato altrettanto bene, con notevoli cambiamenti nelle dimensioni dei cerchi sullo schermo all'aumentare degli angoli di visualizzazione. Detto questo, non abbiamo notato un degrado significativo della qualità durante la visualizzazione di contenuti da angolazioni dispari nell'uso quotidiano. Il test Gamma di Eizo ha indicato un valore di 2,4.

Abbiamo anche trascorso molto tempo a utilizzare il monitor come un televisore, con un'Apple TV 4K e un lettore multimediale 4K ACT Stream TV ad esso collegati. Il monitor è andato sorprendentemente bene con questa configurazione. Spegnendo il lettore multimediale si mette il monitor in modalità standby, quindi non abbiamo dovuto giocherellare con l'interruttore di alimentazione. Accendi un lettore multimediale e il monitor commuta automaticamente la sorgente a quell'ingresso. Il lettore multimediale ACT Stream TV 4K ha controlli del volume propri, quindi non ci mancava affatto il telecomando della TV quando lo utilizzavamo come sorgente video.

Gli altoparlanti integrati del Philips BDM4350UC sono abbastanza rumorosi da riempire una grande camera da letto e, in tutto il tempo che abbiamo trascorso con questo monitor, ricordiamo solo un'occasione in cui avremmo voluto che potessero essere più forti, il che potrebbe semplicemente essere giù per uno spettacolo mal misto. La qualità del suono è buona e, sebbene non ci siano bassi reali di cui parlare, gli altoparlanti sono abbastanza buoni da consentirti di utilizzare questo monitor come TV indipendente. Non avrai bisogno di altoparlanti esterni dedicati, anche se la porta di uscita audio ti consente di farlo se necessario.

Per quanto riguarda la qualità delle immagini, guardare contenuti sia in HD che in 4K è stato piuttosto piacevole e, sebbene non abbiamo avuto alcuna lamentela sulla luminosità del pannello, a volte avremmo voluto che il rapporto di contrasto fosse un po ' meglio. In scene completamente buie, abbiamo anche notato un po 'di "IPS Glow, soprattutto vicino al bordo destro, anche se non era particolarmente negativo. Durante il giorno, abbiamo riscontrato che il pannello lucido a volte è un po 'troppo riflettente, in particolare quando si utilizza il dispositivo come televisore da lontano, anche se questo non era un problema quando eravamo seduti vicini e lo usavamo come monitor collegato al nostro PC.

Con un tempo di risposta dichiarato di 5 ms e poiché la maggior parte delle schede grafiche per PC non è in grado di gestire i pannelli 4K alla risoluzione nativa pur offrendo 60 fps costanti, questo monitor non è destinato ai giocatori, quindi non l'abbiamo fatto eseguire qualsiasi benchmark di gioco formale. Detto questo, abbiamo collegato la nostra Xbox al monitor per un po 'di gioco e siamo rimasti soddisfatti dell'esperienza.

Verdetto

C'è molto da apprezzare sul Philips BDM4350UC. Un pannello 4K ha il potenziale per migliorare notevolmente la tua produttività e questo monitor offre praticamente tutto ciò che promette. Nonostante alcune piccole stranezze, non abbiamo riscontrato problemi di prestazioni importanti e siamo rimasti più che soddisfatti dell'esperienza complessiva. I professionisti creativi e gli altri che possono mettere a frutto gli immobili extra adoreranno ciò che questo monitor ha da offrire. Possiamo anche vedere questo monitor utilizzato nelle sale conferenza come sostituto ad alta risoluzione e per tutti gli usi di un proiettore o su una parete di un ufficio dove le funzionalità PIP / PBP possono essere utilizzate per visualizzare più sorgenti contemporaneamente.

Tuttavia, come ha dimostrato il tempo trascorso con il dispositivo, non tutti saranno in grado di sfruttare al meglio i pixel aggiuntivi ed è facile vedere con il senno di poi perché molti preferiscono utilizzare più monitor di dimensioni normali uno accanto all'altro invece di uno pannello gigante da 43 pollici. L'utilizzo di un display così ampio come monitor non è molto pratico ed è più facile sviluppare punti ciechi o almeno "non preferiti" rispetto a quando si utilizza una configurazione multi-monitor, come nel nostro utilizzo.

Detto questo, se stai cercando un monitor gigante che funga anche da televisore, il Philips BDM4350UC è un'ottima scommessa. Per quanto abbiamo amato la funzione PIP, anche senza di essa questo monitor fa un ottimo lavoro come sostituto della televisione, grazie ai buoni altoparlanti integrati. Tutto sommato, pensiamo che questo monitor sarà una grande aggiunta a qualsiasi ufficio domestico in cui questo tipo di versatilità potrebbe essere particolarmente utile.

Prezzo: Rs. 45.000 Garanzia: 3 anni

Pro

  • Rendimento complessivo decente
  • Molti input
  • 4 porte USB 3.0
  • Gli altoparlanti integrati sono buoni
  • Funzionalità PIP e PBP utili
  • Funge anche da bella TV

Contro

  • I pannelli grandi non sono ideali per tutti i casi d'uso
  • Il rapporto di contrasto potrebbe essere migliore
  • A volte può essere un po 'troppo riflessivo

Valutazioni (su 5)

  • Design: 4
  • Caratteristiche: 4
  • Prestazioni: 4
  • Rapporto qualità-prezzo: 3,5
  • Complessivamente: 4

Per le ultime notizie e recensioni tecnologiche, segui Gadgets 360 su Twitter, Facebook e Google News. Per gli ultimi video su gadget e tecnologia, iscriviti al nostro canale YouTube.

Philips BDM4350UC

Autore: Adam Simmons Data di pubblicazione: 13 maggio 2016

Sommario

Introduzione

Il Philips BDM4065UC è stato un monitor sorprendente, non da ultimo per il suo enorme schermo UHD "4K". Mentre il pannello VA (Vertical Alignment) ad alto contrasto forniva il tipo di esperienza che alcuni utenti desideravano, altri desideravano la riproduzione dei colori più accurata e coerente di un pannello IPS. Il BDM4350UC è il follow-up, aggiungendo qualche pollice in più a quello che era già un display gigantesco e impiegando in modo cruciale un IPS (In-Plane Switching) anziché un pannello VA. Abbiamo messo alla prova questo colosso nel nostro guanto di prova, per vedere se è grande e brillante o semplicemente grande.

Specifiche

Il monitor utilizza uno schermo da 42,51 pollici, un pannello di tipo TPV IPS (tipo di commutazione sul piano) con risoluzione 3840 x 2160 ("4K" UHD). Supporta l'elaborazione del colore a 10 bit, ottenuta con 8 bit nativi per sottopixel più dithering FRC. Viene specificato un tempo di risposta da grigio a grigio di 5 ms e un rapporto di contrasto di 1200: 1, che sono entrambi elementi che testeremo più dettagliatamente in seguito. Alcuni dei principali "punti di discussione" del monitor sono stati evidenziati in blu di seguito.

Gli aspetti chiave della specifica sono evidenziati in blu di seguito.

Caratteristiche ed estetica

Dalla parte anteriore il monitor è dominato da un ampio schermo lucido. Questa superficie dello schermo ha un trattamento antiriflesso molto delicato (3-4% di foschia), che riduce leggermente i riflessi rispetto a una superficie lucida non trattata senza ostacolare notevolmente l'immagine. Questo viene esplorato più a fondo nella recensione. Il grande schermo è delimitato da una cornice sottile -

14 mm (0,55 pollici) nella parte superiore e sui lati e

20 mm (0,79 pollici) nella parte inferiore o

32 mm (1,26 pollici) se includi il logo Philips centrale. Questo logo ospita anche il LED di alimentazione, che appare come una striscia orizzontale che si illumina di un bianco fioco se il monitor è acceso e lampeggia se il segnale al PC viene perso. C'è anche un piccolo frammento di bordo del pannello attorno allo schermo, che è incluso nelle misurazioni sopra. Il supporto incluso è piuttosto semplice, con piedini in metallo, e certamente fa sembrare lo schermo stesso più simile a una TV che a un monitor. Non offre alcuna flessibilità ergonomica allo schermo, ma è notevolmente solido senza la leggera oscillazione che accompagnava il modello precedente. Con questo supporto il monitor svuota la scrivania di

65 mm (2,56 pollici) o

12 mm (0,47 pollici) compreso il logo, con la parte superiore dello schermo

627 mm (24,69 pollici) sopra la scrivania.


L'OSD (On Screen Display) è controllato da un joystick (pulsante JOG) sul retro del monitor, verso il lato destro del monitor visto dalla parte anteriore. A causa delle dimensioni dello schermo, il fatto che si trovi abbastanza in basso rispetto alla scrivania e la posizione di questo joystick è un po 'scomodo da usare. Dopo aver risolto la logistica di questo e allungato un po 'il braccio, la navigazione nel menu stesso è abbastanza semplice. Il video seguente evidenzia la funzionalità e il controllo dell'OSD. Tieni presente che è presente un interruttore di alimentazione "Zero Watt" per spegnere completamente il monitor, ma puoi anche spegnerlo premendo il joystick per alcuni secondi. Premendo di nuovo il joystick lo riporterà in vita. Tieni inoltre presente che abbiamo accennato al fatto che non c'era "burn-in" (o più precisamente alcuna conservazione temporanea dell'immagine) sulla nostra unità. Questo è stato il caso nonostante sia corretto nonostante abbia eseguito un'ampia varietà di attività con contenuto statico visualizzato sullo schermo per un po 'di tempo. Alcuni utenti hanno segnalato la conservazione temporanea dell'immagine sulle proprie unità, cosa che potrebbe influire su alcune unità ma non su altre. Non riteniamo che gli utenti debbano lasciarsi scoraggiare dal provare questo modello, soprattutto se il loro rivenditore offre un efficiente servizio di restituzione per la massima tranquillità.

Dal lato il monitor è ragionevolmente snello a circa 45 mm (1,77 pollici) escludendo la sporgenza centrale e il supporto più ingombranti. La profondità totale del monitor compreso il supporto è

260 mm (10,24 pollici) e senza questo supporto collegato il monitor ha

Profondità totale 80 mm (3,15 pollici).


La parte posteriore del monitor è in plastica nera opaca. Ci sono fori VESA da 200 x 200 mm centralmente, se si desidera utilizzare un supporto o un supporto alternativo. In basso a sinistra (visto dal retro) si trova il joystick di controllo OSD (pulsante JOB). A destra di questo c'è un interruttore di alimentazione "Zero Watt", per interrompere qualsiasi consumo di energia dal monitor stesso. Sopra questo c'è un ingresso di alimentazione CA, il che significa che il monitor ha un convertitore CA-CC interno anziché un alimentatore esterno. Le porte sono rivolte all'indietro e si trovano a destra; 2 porte HDMI 2.0 (con MHL), 2 porte DP 1.2, VGA, ingresso audio da 3,5 mm, jack per cuffie da 3,5 mm, 4 potenziometri USB 3.0 (il terzo supporta la ricarica rapida) e una porta upstream USB 3.0.



Il monitor supporta 3840 x 2160 a 60 Hz quando si utilizza HDMI 2.0 o DP 1.2 (con l'impostazione OSD appropriata selezionata, come indicato in precedenza). Le revisioni precedenti sono limitate a 30Hz alla risoluzione nativa ma supportano 60Hz a risoluzioni inferiori come 1920 x 1080. Due altoparlanti integrati da 7W si trovano anche sul retro, sopra e nei fori VESA. Questi offrono un volume più che sufficiente, anche se desideri disturbare i vicini, ma si abbassano anche in modo piacevole e silenzioso per esperienze di ascolto più private. Anche la qualità del suono è abbastanza buona, con alti abbastanza nitidi e una buona chiarezza generale. Il basso non era così potente come si otterrebbe da un set di altoparlanti indipendenti decenti, ma era sufficiente per dare corpo al suono e impedire che suonasse "metallico". Nel complesso, si tratta di altoparlanti utilizzabili che sono molto meglio della maggior parte delle soluzioni integrate.

Calibrazione

Layout dei subpixel e superficie dello schermo

Sul monitor viene utilizzata una superficie lucida dello schermo con un trattamento antiriflesso estremamente delicato (1-4% di foschia). Lo strato esterno polarizzante liscio e lucido del monitor consente l'emissione di luce diretta senza una diffusione significativa. Di conseguenza, l'immagine è nitida e chiara senza evidente granulosità e presenta un buon "pop vibrante". Se riesci a guardare da vicino, puoi vedere una debole nebbia di "granulosità" dalla superficie dello schermo, ma questo è davvero molto sottile. Come mostrato in precedenza, il monitor riflette la luce a causa del livello di diffusione dalla superficie dello schermo molto basso. Il trattamento antiriflesso estremamente delicato rende questo riflesso più scuro e meno pronunciato, quindi si fonde nell'immagine meglio che su una superficie lucida non trattata. Quando il monitor visualizza ombre più chiare, la luce dal monitor supera efficacemente gran parte dei riflessi. Quando viene visualizzato un contenuto più scuro, i riflessi sono più pronunciati. Rispetto alle superfici opache dello schermo, devi stare più attento ai livelli di luce nella stanza, ma a prescindere dalla superficie dello schermo, la luce diretta che colpisce lo schermo dovrebbe essere evitata ove possibile. Ci sono ulteriori analisi sulla differenza tra le superfici opache e lucide dello schermo in questo articolo.

Videos about this topic

Philips BDM4350UC Menu System (OSD)
Mega 43 INCH 4K Monitor - All about the SIZE! (Philips 4K)
Philips Computer Monitors BDM4350UC 43\" LED Monitor Review
Philips BDM4350UC 43inch 4k IPS Monitor Review and Overview
Philips BDM4350UC Review
Review of the 43\" Philips BDM4350UC!