Recensione Razer DeathAdder Elite

Conclusione

Adatto sia ai giocatori occasionali che a quelli seri, il Razer DeathAdder Elite non delude e offre un grande valore per tutte le funzionalità e il design che offre. Ergonomico ma allo stesso tempo elegante e con un sensore killer, l'Elite si guadagna un posto nella dinastia dei DeathAdder.

I pro:

  • Sensore eccellente
  • Design ergonomico
  • 7 pulsanti programmabili
  • Illuminazione personalizzabile e altro

I contro:

  • Bordo leggermente affilato ai pulsanti
  • Il software non ha memoria archiviata, solo cloud
  • La presa può essere un problema con le mani più piccole

La gamma DeathAdder di Razer ha goduto di una posizione comoda in cima alla montagna che è l'industria dei mouse da gioco per molti anni, da quando è entrata per la prima volta sulla scena nel 2006.

L'attuale incarnazione di DeathAdder è Elite (v2), e qui diamo un'occhiata se questo mouse è all'altezza del suo nome e ci offre un'esperienza di gioco d'élite!

Mostra sommario

Specifiche

Sensore Ottico DPI max 16.000 Collegamento Cablato Interruttori Meccanico Razer / Omron Illuminazione Illuminazione Razer Chroma ™ con 16,8 milioni di opzioni di colore personalizzabili Pulsanti 7 pulsanti Hyperesponse programmabili indipendentemente Velocità di polling / rapporto1000 Hz ultrapollingAccelerazioneFino a 450 IPS / accelerazione 50 gSoftware Fibra SynapseCavo leggero, cavo intrecciato a destra105 design delle mani con impugnature laterali in gomma testurizzata Ruota Rotella di scorrimento tattile da gioco

Design e funzionalità

Cominciamo con il prezzo. Razer offre DeathAdder Elite a circa $ 70.

Il design di DeathAdder Elite è semplice ma elegante, in armonia con il resto della gamma DeathAdder. La forma è ergonomica e gli accenti luminosi (con colori regolabili non meno!) Fanno risaltare il mouse sulla tua scrivania senza essere insapore.

Le luci possono essere impostate su un colore o per sfumare tra diversi colori. Puoi anche selezionare l'illuminazione reattiva, in cui le luci si illuminano a tempo con i tuoi clic, il che è davvero perfetto.

Il cavo è morbido, flessibile e lungo 2,1 metri, il che consente una migliore fluidità e mira. Ci sono due piedini per mouse rivestiti in teflon sul lato inferiore, più un altro attorno al sensore, che aiutano l'Elite a scivolare dolcemente su entrambi i cuscinetti morbidi e rigidi.

La trama dell'involucro in plastica è molto simile al fratello maggiore dell'Elite, il Chroma, ma puoi ancora sentire il sottile aggiornamento nella plastica più liscia dell'Elite. Troverai anche un po 'di texture aggiunta ai pulsanti laterali.

Parliamo di pulsanti: Razer ha collaborato con il produttore di interruttori di livello professionale Omron per sviluppare insieme il proprio interruttore per DeathAdder Elite. I pulsanti di Chroma erano molto popolari, quindi comprensibilmente Razer ha mantenuto una sensazione e un suono di clic simili all'Elite. Tuttavia, l'interruttore migliorato significa che il clic è ancora più nitido e definito, anche se leggermente più forte di quello del suo predecessore.

Le scanalature delle dita sui pulsanti sono abbastanza profonde, il che significa che sembra abbastanza sollevato nel punto in cui si incontrano al centro, e i pulsanti hanno un bordo leggermente affilato alla fine, che non è stato di gradimento a tutti. Tuttavia, questa funzione è abbastanza facile da abituarsi e ti piacerà la sensazione di questi solchi morbidi che abbracciano le tue dita mentre suoni.

Ovviamente, incastonata tra i pulsanti principali c'è la rotellina del mouse con i suoi accenti LED. La ruota è piuttosto rumorosa ed è un po 'stretta da premere. L'impugnatura potrebbe avere più tensione ma è buona nel complesso, con un design punteggiato che dà un buon senso di controllo.

La gobba del mouse è abbastanza centrale e inclinata, il che significa che questo mouse è più adatto a chi ha le mani più grandi. Questo non vuol dire che la mano più piccola tra noi non possa godersi il DeathAdder Elite, ma la gobba può significare che le dita giacciono in una posizione leggermente innaturale per utilizzare il mouse in modo efficace e la tua mira nei giochi FPS potrebbe essere leggermente compromessa.

Nel complesso la costruzione è solida e leggera. C'è un piccolo rantolo quando il mouse viene scosso, ma non lasciarti scoraggiare: non appena le tue dita afferrano i numerosi pulsanti, quel sonaglio scompare. È chiaro che DeathAdder Elite è stato progettato per la resistenza e per le prestazioni. Con questo in mente, diamo un'occhiata alle specifiche sul rendimento.

Prestazioni

Il sensore è la vera star quando si tratta delle prestazioni dell'Elite, con un impressionante 16.000 DPI (punti per pollice). Ciò consente al mouse di scivolare facilmente e senza intoppi su entrambi i cuscinetti rigidi e morbidi.

Grazie al suo eccellente sensore ottico, l'Elite si mantiene molto bene durante il gioco. Rimarrà stabile quando viene strisciato a velocità e persino sollevato dal pad, con una distanza di decollo di 1 DVD.

L'Elite è preciso, senza salti o jitter. L'accelerazione è buona ei test di latenza mostrano un punteggio impressionante di circa 180 ms. Anche la precisione della risoluzione è pari al 99,4%. Questo è davvero più alto di quanto la maggior parte di noi abbia bisogno, ma è comunque bello avere e gongolare!

I due piccoli "pulsanti DPI" che si trovano sopra l'Elite ti consentono di regolare le impostazioni DPI senza perdere un colpo. Per gli appassionati di personalizzazione, tuttavia, è possibile riprogrammare questi pulsanti in Razer Synapse, il software scaricabile fornito con questo mouse.

Ovviamente, per un'esperienza di gioco ottimale, la presa è tutto. Un mouse può avere tutte le luci lampeggianti e la precisione del sensore del mondo, ma se non puoi afferrare la cosa, tutte queste funzionalità non ti saranno molto utili.

Le curve, le scanalature e le trame dell'Elite consentono agli utenti di cullare comodamente questo mouse mentre scivola a ogni loro movimento. Sebbene, come abbiamo già detto, l'Elite favorisce leggermente una mano più grande. L'Elite è più adatto per una presa ad artiglio o con il palmo ma, per chi ha una mano di 20 cm di lunghezza, è possibile impugnare la punta delle dita.

Con tutte queste prestazioni vincenti in mente, il Razer DeathAdder Elite è sicuramente un mouse da gioco al suo interno (e un ottimo mouse!). Ma questo non significa che non sia adatto anche per uso generale.

Software

Puoi collegare il tuo DeathAdder Elite e iniziare a giocare, navigare o fare qualsiasi cosa tu voglia. Per coloro che desiderano quel controllo e personalizzazione extra, tuttavia, è possibile scaricare il software Razer Synapse.

Razer Synapse non è complicato da usare e consente di modificare le prestazioni e l'illuminazione del mouse, impostare macro e adattare il mouse alle proprie preferenze specifiche. Le preferenze possono anche essere salvate in diversi profili, permettendoti di caricare le specifiche esatte delle prestazioni per il gioco specifico a cui stai giocando.

Dall'impostazione della sensibilità o della frequenza di polling, alle statistiche di monitoraggio e alla calibrazione per superfici particolari, alla personalizzazione dell'illuminazione LED e alla regolazione dell'accelerazione, le capacità del software Elite sono vaste.

Non c'è memoria integrata con Synapse, ma tutte le impostazioni o le modifiche apportate vengono salvate direttamente nel cloud, il che significa che puoi caricare le tue specifiche personali ovunque tu sia. Preparati a creare un account e ad accedere prima di poter modificare qualsiasi impostazione.

Il verdetto

L'Elite presenta numerose differenze rispetto al suo predecessore Chroma, ma fondamentalmente rimane fedele alla struttura e al design classici di DeathAdder. Dopotutto, questa è una gamma molto popolare di mouse da gioco e se non è rotta, non aggiustarla. Ma sebbene la correzione non sia necessaria, i miglioramenti e la messa a punto sono sempre i benvenuti e l'Elite ci riesce sicuramente.

Il sensore aggiornato è la star dello spettacolo e dal punto di vista del design l'Elite ci offre luci più luminose, colori più ricchi e tenuta ergonomica. Il cavo è lungo e flessibile, ci sono moltissimi pulsanti e il software Synapse offre una vasta gamma di opzioni di personalizzazione.

Recensione Razer Deathadder V2

Il Razer Deathadder V2 è un miglioramento rispetto all'Elite in quasi tutti i modi.

Di Samuel Horti 27 maggio 2020

Il nostro verdetto

Un nuovo sensore, rotellina di scorrimento e cavo lo rendono probabilmente il miglior mouse cablato disponibile oggi. Ma è molto più costoso di altri che sono quasi altrettanto buoni.

  • Il miglior sensore da 20.000 CPI della categoria
  • I sensori ottici di clic garantiscono una maggiore durata
  • Comodo

Contro

  • Bottoni sul lato fragile
  • Più costoso di versioni simili

Il Razer Deathadder V2 migliora tutto ciò che amiamo del Deathadder Elite, a sua volta uno dei migliori mouse da gioco, ed è in circolazione dal 2016 in varie forme. Ma il Deathadder V2, con il suo sensore ottico migliorato, i pulsanti sinistro e destro del mouse più resistenti e una rotella di scorrimento più fluida, è uno dei migliori mouse che il denaro possa comprare? Sì.

Sensore - Messa a fuoco + DPI massimo ottico - 20.000 tracciamento - 650 pollici al secondo Accelerazione - 50 G Peso - 82 g | 2,9 once

Ma la domanda non è se il V2 sia la versione migliore del Deathadder (lo è), la domanda è: vale la pena acquistarlo, dato che attualmente costa $ 35 / £ 35 in più rispetto all'Elite? Forse.

Il miglioramento più evidente è il sensore ottico Focus +, lo stesso utilizzato nell'eccellente Razer Viper Ultimate Wireless. Lo approfondirò tra un secondo, ma sono rimasto più impressionato dai cambiamenti più sottili che Razer ha apportato al V2. Il primo è la rotella di scorrimento. Razer ha un nome ridicolo per il nuovo design, "Instinctive Scroll Wheel Tactility", ma i risultati sono perfetti. È esattamente la giusta tenuta. Gira senza intoppi, ma puoi comunque sentire ogni tacca della svolta, quindi non scorrerai accidentalmente troppe volte.

Anche il fatto che Razer stia usando un nuovo cavo (con un nome altrettanto ridicolo, "Speedflex Cable", suona insignificante, ma si rivela un grosso problema. Ho usato una versione del Deathadder (l'Esperto) per anni, e la mia unica lamentela è che il cavo più rigido a volte può tirare il mouse da un lato, a seconda di come si trova sulla mia scrivania. Il cavo V2 è il più flessibile che ho provato su un mouse da gioco, e in definitiva ciò significa che è ha meno probabilità di influire sul movimento del mouse, anche se diventi pigro sulla gestione dei cavi, come me.

Anche i pulsanti sinistro e destro del mouse sono più resistenti dell'Elite. Sono ottici, piuttosto che meccanici (utilizzano un raggio di luce a infrarossi per registrare i clic), il che significa che dovrebbero fornire meno clic errati, una latenza inferiore e una durata maggiore. Razer calcola che dureranno 70 milioni di clic, invece dei 50 milioni del Deathadder Elite. Anche se non posso dire quanto sia accurato quel numero, sicuramente si sono sentiti reattivi quanto avrei mai potuto aver bisogno e non ho mai sbagliato a fare clic. Nei giochi di Fortnite ed Escape from Tarkov i miei colpi sono stati istantanei e non ho mai dovuto preoccuparmi di sparare accidentalmente.

Anche i pulsanti di sensibilità su e giù sono stati ridisegnati. Gli Elite erano essenzialmente un pulsante lungo e sottile diviso in due. I V2 sono più larghi e separati da una scheggia di plastica. Non sembra così appariscente, ma il divario rende più facile distinguere tra i due senza guardare, ideale se hai bisogno di cambiare sensibilità nel vivo della battaglia (se stai ingrandendo con un cecchino, diciamo).

C'è anche un nuovo pulsante sulla base del mouse che alterna i profili personalizzati per la sensibilità e l'illuminazione RGB. Se hai effettuato l'accesso al software Synapse di Razer, puoi impostare un numero illimitato di profili e puoi anche archiviarne cinque nella memoria integrata da utilizzare indipendentemente da dove colleghi il V2. Dopo aver impostato i profili, è un modo semplice per passare da un'opzione all'altra senza scavare in Synapse.

Successivamente, il materiale. Il Deathadder Elite ha poggia pollice segmentato su entrambi i lati del mouse, con bordi che li separano chiaramente dal resto del pannello laterale. Sul V2, c'è meno separazione e con parti sollevate e forate sul pannello. Sono ancora aderenti, ma sembrano molto lisci. Senza cuciture per separarli, anche l'accumulo di sporco è meno preoccupante. Il rivestimento nero opaco sulla parte superiore del mouse impedisce alla mano di scivolare e, se combinato con la forma del V2 (come l'Elite, è praticamente la forma ideale per una mano destra e si adatta bene a quasi tutte le dimensioni del palmo) rende il V2 un mouse comodo da usare per ore e ore.

E poi arriviamo al sensore, il "trucco da festa" di Razer (le statistiche del Deathadder Elite sono tra parentesi per il confronto). Va fino a 20.000 DPI / CPI (16.000), traccia fino a 650 pollici al secondo (450) e ha una precisione di risoluzione del 99,6 percento (99,4 percento). Questi numeri aumentati possono o meno significare molto per te, perché faranno poca differenza nelle prestazioni quotidiane. Quanto spesso è necessario superare i 16.000 DPI / CPI? Non spesso.

Videos about this topic

Razer DeathAdder V2 PRO Wireless Gaming Mouse Review
RAZER Deathadder V2 Review - The Perfect Gaming Mouse
Full Size Ergo Mouse-Razer Death Adder V2 Wireless Review
Razer DeathAdder Essential White Edition review and sounds
Razer DeathAdder v2 vs Glorious Model D\: Which One Should You Buy?
DEATHADDER V2 Mouse Review - is it worth buying? (2020 Update)