Recensione Panasonic ZS70

  • Vai alla recensione Vai alla pagina di revisione.
  • Panoramica ZS70
  • Specifiche
  • Galleria
  • Test sul campo
  • Test sul campo Parte I
  • Prezzi

Specifiche di base Nome completo del modello: Panasonic Lumix DC-ZS70 Risoluzione: 20,30 megapixel Dimensioni del sensore: 1 / 2,3 pollici (6,2 mm x 4,6 mm) Obiettivo: zoom 30,00x (24-720 mm eq.) Mirino: EVF / LCD nativo ISO: 80-3200 ISO esteso: 80-6400 Otturatore: 1/16000 - 30 sec Apertura massima: 3,3 Dimensioni: 4,4 x 2,6 x 1,6 pollici (112 x 67 x 41 mm) Peso: 11,4 once (322 g) batterie incluse Disponibilità: 05/2017 Produttore: Panasonic Specifiche complete: Specifiche Panasonic ZS70

I tuoi acquisti supportano questo sito

Panasonic ZS70 (nero)
  • Panasonic ZS70 (nero)
  • Panasonic ZS70 (argento)
  • Amazon Fai clic per vedere il prezzo
  • Adorama per $ 297,99
  • Foto in bianco e nero per $ 297,99
  • Amazon Fai clic per vedere il prezzo
  • Adorama per $ 297,99
  • Foto in bianco e nero per $ 297,99
Offerte ZS70

Sensore da 20,30 megapixel con zoom 30,00x da 1 / 2,3 pollici

Recensione Panasonic ZS70: ora si scatta!

All'inizio del 2016, Panasonic si è occupata degli appassionati di zoom da viaggio compatti con la Lumix ZS60. Ora, la Panasonic ZS70 segue le orme di quella fotocamera, presentando un corpo leggermente ridisegnato e una serie di nuove funzionalità principalmente volte a rendere il nuovo modello più attraente per i selfie.

Dotato di una risoluzione di 20 megapixel e di un obiettivo zoom ottico 30x di marca Leica DC Vario-Elmar straordinariamente potente, il Panasonic ZS70 è comunque abbastanza compatto da poter essere infilato nella tasca dei pantaloni o in una piccola borsa. E non lesina nemmeno sulle funzionalità, corteggiando gli appassionati con qualsiasi cosa, dall'esposizione completamente manuale e un mirino integrato e l'acquisizione di video 4K a un formato di file RAW, il focus peaking e le funzioni di zebra-striping.

Vuoi la panoramica completa della Panasonic ZS70? Ti consigliamo di fare clic qui per il nostro riepilogo completo delle novità e di ciò che non lo è. Vuoi solo sapere come gira nel mondo reale? Continua a leggere per il nostro primo test sul campo di seguito!

Test sul campo Panasonic ZS70 Parte II

Messa a fuoco, riprese notturne e video: il mio test nel mondo reale giunge al termine

Di Mike Tomkins | Postato: 17/10/2017

Equivalente a 65 mm, 1/8 sec. @ f / 4.4, ISO 1600

Di recente, ho iniziato la mia revisione del mondo reale della Panasonic ZS70 con una visita alle vicine Great Smoky Mountains per alcune riprese diurne. Ora è il momento per un follow-up e nel mio secondo test sul campo della ZS70, mi sono diretto in centro nella mia città natale di Knoxville, nel Tennessee, per una ripresa serale, comprese sia riprese ad alta sensibilità che a lunga esposizione.

Nel mio primo test sul campo, ho notato la profusione di controlli della Panasonic ZS70, la maggior parte dei quali mi è piaciuta, anche se trovo ancora un po 'permaloso il controllo dello zoom, cosa che avevo notato in precedenza. E ho elogiato sia le sue ragionevoli prestazioni di ripresa alla luce del giorno che la sua straordinaria gamma di zoom equivalente di 24-720 mm.

Questo obiettivo può essere molto divertente e libero di scattare attraverso, anche se le foto che catturi con esso avranno qualcosa di più simile alla qualità dell'immagine dello smartphone, piuttosto che quello possibile anche con fotocamere standalone abbastanza convenienti, grazie alla piccola immagine della ZS70 sensore (relativamente parlando, rispetto alle fotocamere con obiettivo intercambiabile e agli appassionati di compatte / zoom lunghi).

Sfortunatamente, in quel primo test sul campo ho anche ricordato a me stesso che con un sensore di immagine da 1 / 2,3 pollici e un'elevata risoluzione di 20 megapixel, il rumore (e gli effetti negativi della riduzione del rumore) possono essere evidenti anche a sensibilità di base, figuriamoci una volta alzato l'ISO. Con una gamma di sensibilità nativa di soli ISO 80-3200 equivalenti, non mi aspettavo molto dalle costolette di ripresa notturna della Panasonic ZS70, né avrei fatto con qualsiasi altra fotocamera con queste dimensioni del sensore, anche in un'era di retrovisori sensori illuminati.

Equivalente a 50 mm, 1/30 sec. @ f / 4.1, ISO 1600

Stando così le cose, e non volendo sembrare un Debbie Downer, ho deciso di salvare una funzionalità più divertente anche per il secondo test. Darò anche uno sguardo alla funzionalità di messa a fuoco di Panasonic ZS70, che può combinare più scatti nella fotocamera per una singola immagine in uscita con una profondità di campo molto maggiore. E testerò anche le prestazioni della ZS70 nel reparto video.

Prova la funzione Focus Stacking della Panasonic ZS70

Ma prima, torniamo al focus stacking, perché è qualcosa di un po 'divertente e insolito, specialmente in una fotocamera compatta con sensore piccolo come la Panasonic ZS70. La sua inclusione rafforza ancora una volta il fatto che, sensore piccolo o meno, Panasonic vede questa fotocamera come target di appassionati. Il consumatore tipico non cercherebbe mai in un milione di anni una funzionalità come questa, né sarebbe probabilmente in grado di dare il via a un'interfaccia che, almeno inizialmente, sembra un po 'opaca.

Equivalente a 106 mm, 1/30 sec. @ f / 5.1, ISO 1600

Il focus stacking è una novità rispetto alla precedente Panasonic ZS60 e può richiedere un po 'di scoperta quando metti le mani per la prima volta sullo ZS70. Per usarlo, devi prima abilitare la modalità Post Focus, che per impostazione predefinita viene attivata tramite il pulsante Funzione 2. Quindi premi il pulsante di scatto per acquisire un breve video clip 4K mentre la fotocamera mette a fuoco la scena, in genere catturando da qualche parte nella regione di 50-100 fotogrammi per clip mentre lo fa, nella mia esperienza.

Dopo aver catturato un clip, supponendo che la revisione automatica sia attiva, ti viene immediatamente offerta l'opportunità di selezionare quale singola area dell'immagine deve essere a fuoco. Toccalo e se la fotocamera è stata in grado di determinare un blocco della messa a fuoco per quella specifica area, vedrai la messa a fuoco dell'immagine. (In realtà, ciò che sta accadendo è che viene mostrato il fotogramma video che è meglio focalizzato in quest'area.) E ora, puoi finalmente accedere alla funzione Focus Stacking.

Equivalente a 24 mm, 1/40 sec. @ f / 3.3, ISO 1600

Per fare ciò, ora devi premere il pulsante Funzione 1 e selezionare Auto o Unione basata su intervallo da un menu sovrapposto alla scena. L'unione automatica fa proprio quello che dice sulla lattina, tentando di determinare l'estensione del soggetto e quindi selezionando e unendo insieme i fotogrammi pertinenti per renderlo a fuoco. Non genererà semplicemente un'immagine con l'intera gamma di messa a fuoco disponibile, cosa che invece puoi fare manualmente nella modalità di fusione degli intervalli, se lo desideri.

Nella modalità Fusione intervallo, quando tocchi lo schermo l'area di messa a fuoco selezionata diventerà verde se è stato ottenuto un blocco della messa a fuoco o verrà mostrata con un bordo rosso se non è stato possibile ottenere il blocco della messa a fuoco per quella specifica area. Se c'è stato un blocco riuscito, tutte le altre aree di messa a fuoco che indicavano un blocco sullo stesso fotogramma video saranno colorate di verde, mentre quelle che non sono riuscite a ottenere un blocco saranno ombreggiate di bianco nello stesso momento in cui l'area selezionata è indicata in verde. E puoi continuare a toccare altre aree di messa a fuoco per selezionare ulteriori parti del soggetto (o la tua prima area, se i tentativi precedenti non hanno ancora rilevato un blocco della messa a fuoco).

Puoi abilitare il focus peaking in uno dei due colori (blu chiaro o blu scuro) o disabilitarlo del tutto premendo il pulsante Funzione 2. Se si preme il pulsante Display o il relativo pulsante soft sullo schermo, la selezione verrà ripristinata se si è toccato accidentalmente le aree sbagliate e si desidera ricominciare da capo, e toccando un'area già verde verrà deselezionata. E se trascini il dito sullo schermo, puoi selezionare o deselezionare rapidamente più punti in una volta. Dopo aver scelto l'estensione del soggetto, premi il pulsante Menu / Imposta o il suo pulsante soft equivalente sullo schermo, quindi rispondi a un messaggio Sì o No per decidere se desideri unire i fotogrammi scelti in un'unica immagine fissa .

Demo di messa a fuoco in pila: sopra è un'immagine con messa a fuoco in pila scattata in modalità 4K Post Focus. Fare clic qui per una versione a piena risoluzione e qui per uno scatto equivalente a piena risoluzione nella modalità di scatto standard con il diaframma chiuso. Puoi vedere il file video 4K Photo originale utilizzato per registrare i singoli fotogrammi qui. Di seguito sono riportati ritagli al 100% da uno scatto 4K con messa a fuoco (a sinistra) rispetto a uno scatto standard af / 8.0, entrambi ripresi dalla stessa posizione a meno di trenta centimetri dal tappo del palo in primo piano.

Versione 4K Photo con messa a fuoco in pila

Versione standard f / 8

L'effettivo processo di fusione varia a seconda del soggetto e del numero di aree di messa a fuoco selezionate, ma in genere non durava più di 30 secondi circa e talvolta era notevolmente inferiore. Una cosa estremamente importante da sapere sulla funzione di messa a fuoco dello ZS70 è che funziona solo su scene statiche riprese da un treppiede, poiché non viene eseguito alcun allineamento dell'immagine durante il processo.

Anche il più piccolo movimento della fotocamera o del soggetto è sufficiente per impedire che la funzione funzioni correttamente, a volte producendo effetti davvero strani in particolare nel fogliame. (In uno scatto di prova, il mio treppiede non era abbastanza stabile e si è spostato solo microscopicamente durante l'esposizione. Il risultato è stato qualcosa di simile a un viaggio acido in forma fotografica, o almeno come immaginavo che fosse.

Demo di messa a fuoco in pila: sopra è un'immagine con messa a fuoco in pila scattata in modalità 4K Post Focus. Fare clic qui per una versione a piena risoluzione e qui per una versione creata dai fotogrammi video utilizzando l'allineamento e la fusione automatici in Adobe Photoshop CC. Puoi vedere il file video 4K Photo originale utilizzato per registrare i singoli fotogrammi qui. Di seguito sono riportati i ritagli al 100% da uno scatto 4K con messa a fuoco (a sinistra) rispetto al suo equivalente creato da Photoshop CC.

Versione 4K Photo con messa a fuoco in pila

Fotogrammi video allineati / uniti automaticamente in Photoshop

Un'altra cosa molto importante da notare è che la funzione viene fornita con un forte ritaglio della lunghezza focale. (In realtà è solo un tocco più forte del ritaglio già piuttosto limitante applicato al video 4K registrato con la Panasonic ZS70. Nell'uso del mondo reale con una varietà di macro e soggetti più distanti, ho scoperto che la funzione è solo di utilità moderata. E non solo per il fatto che induce un raccolto così estremo.

Ci sono altri tre problemi principali che ho con la funzione: in primo luogo, le dimensioni ridotte del sensore indicano che la profondità di campo è, molto simile a quella del tuo smartphone, già abbastanza generosa. Semmai, è più probabile che tu abbia difficoltà a ottenere una profondità di campo sufficientemente ridotta da sfocare gli sfondi come desideri, piuttosto che preoccuparti di avere una profondità di campo insufficiente per un determinato scatto.

Equivalente a 74 mm, 1/13 sec. @ f / 4.6, ISO 1600

E anche per la fotografia macro, dove la funzione potrebbe sembrare più utile, l'arresto af / 8 dava già alle immagini della Panasonic ZS70 una profondità di campo quasi pari a quella degli equivalenti della messa a fuoco, ma senza la necessità di una significativa riduzione risoluzione a 8,3 megapixel insieme al forte ritaglio della lunghezza focale.

E infine, mentre in termini di livelli di rumore, la funzione 4K Focus Stacking della Panasonic ZS70 ha fatto meglio di quello che potevo gestire usando Photoshop e i fotogrammi del file video 4K che viene catturato ogni volta che si utilizza la modalità Post Focus, la qualità effettiva della fusione non era eccezionale nemmeno per scene statiche al 100%. Ho notato spesso strani artefatti lungo i confini tra soggetti vicini e lontani, e questi a volte erano abbastanza gravi che non avevo nemmeno bisogno di ingrandire le immagini per notarli. Il semplice utilizzo delle funzionalità di allineamento automatico e unione automatica di Photoshop ha generalmente prodotto un risultato molto migliore nel complesso. (E sono sicuro che con un po 'di lavoro Photoshop sarebbe riuscito a ripulire anche il rumore dell'immagine.)

Equivalente a 65 mm, 1/10 sec. @ f / 4.4, ISO 1600

Per farla breve, ho avuto la sensazione che mentre è potenzialmente utile se hai davvero bisogno di mettere a fuoco un soggetto molto vicino e uno molto distante in una scena completamente statica, probabilmente stai meglio è sufficiente riprendere alcuni fotogrammi montati su treppiede alla massima risoluzione della fotocamera e poi impilarli manualmente in Photoshop. E francamente, probabilmente lo troverai in primo luogo una necessità rara, data la già generosa profondità di campo.

Equivalente a 106 mm, 1/80 sec. @ f / 5.1, ISO 1600

Allora che dire di quelle riprese notturne? Beh, devo essere onesto, scattare con la Panasonic ZS70 in condizioni di scarsa illuminazione non è stata l'esperienza abbastanza divertente che avrebbe potuto essere durante il giorno. Per prima cosa, la funzione Auto ISO ha semplicemente rifiutato di vagare oltre l'equivalente ISO 1600. E quando ho composto manualmente ISO 3200 e 6400 equivalenti, ho capito perché, perché la qualità dell'immagine richiede un po 'di difficoltà dopo quel punto, con dettagli minimi e molto rumore, oltre agli effetti collaterali della riduzione del rumore.

Al di sotto di quel punto, tuttavia, ho pensato che la qualità dell'immagine fosse per molti aspetti abbastanza decente per le dimensioni del sensore fino a ISO 400 equivalente e ragionevole con ISO 800 equivalente. Una buona quantità di dettagli è stata persa con ISO 1600, ma anche questa sensibilità era abbastanza utilizzabile in termini di livelli di rumore e il loro compromesso con i dettagli. E ISO 1600 era sufficiente per scattare a mano libera intorno e un po 'dopo il tramonto, o se rimanevo vicino a un'illuminazione della città ragionevolmente forte durante le riprese con il grandangolo. In realtà, la mia più grande preoccupazione per la qualità dell'immagine qui o con sensibilità inferiori era che la Panasonic ZS70 trasformava costantemente in neri fangosi durante le riprese con le impostazioni predefinite, anche fino alla sensibilità di base.

Ma se ingrandissi più di un po 'o perdessi una luce più modesta, il sistema di stabilizzazione dell'immagine della Panasonic ZS70 semplicemente non poteva gestire le velocità dell'otturatore fino a 1/5 di secondo che la fotocamera stava scegliendo nel tentativo di evitare aumentare la sensibilità. Probabilmente il 50% o più dei miei scatti in queste condizioni mostrava una sfocatura da lieve a significativa a causa del movimento della fotocamera, quando semplicemente aumentando la sensibilità avrebbe potuto comunque produrre uno scatto utilizzabile, almeno per formati di stampa molto piccoli.

Video diurno, 3.840 x 2.160 pixel a 30 fotogrammi al secondo

Video diurno, 1.920 x 1.080 pixel a 60 fotogrammi al secondo

Video diurno, 1.920 x 1.080 pixel a 30 fotogrammi al secondo

Per farla breve, se la qualità dell'immagine non è la tua preoccupazione principale, o prevedi di non scattare molto in condizioni di scarsa illuminazione e di fare affidamento principalmente sul flash per i soggetti vicini e sulle lunghe esposizioni per tutto il resto quando lo fai, allora probabilmente lo farai essere OK con la Panasonic ZS70. Ma se stai cercando un buon sparatutto portatile in condizioni di scarsa illuminazione, dovresti cercare qualcosa con un sensore più grande, forse l'LX10 o l'LX100 di Panasonic.

La Panasonic ZS70 riprende video 4K, anche se con una cattura

E che dire del video? Bene, la Panasonic ZS70 è relativamente rara tra le compatte con sensore piccolo per il fatto che offre video 4K nella fotocamera. Ma proprio come per le modalità Foto 4K come Post Focus, questo viene fornito con un ritaglio del sensore piuttosto estremo, che limita la sua utilità nel mondo reale, almeno per i soggetti in cui il backup e la riformulazione non sono un'opzione. Se riesci a convivere con questa limitazione, tuttavia, i contenuti 4K sono abbastanza decenti per una fotocamera relativamente compatta con un potente obiettivo zoom.

Video con intervallo di zoom, 3.840 x 2.160 pixel a 30 fotogrammi al secondo

Certamente non rivaleggerà con il metraggio di una fotocamera con un sensore più ampio e il rumore è immediatamente evidente anche alla sensibilità di base, proprio come per le immagini fisse, ma ci sono sicuramente più dettagli nelle clip ad altissima definizione della ZS70 che in alta definizione quelli. Se vuoi riprendere qualcosa di più ampio, ti consigliamo di optare invece per il filmato Full HD e disabilitare la funzione di stabilizzazione dell'immagine per riprendere con quasi l'intera larghezza del sensore. E se lo fai, la qualità dell'immagine sarà ancora abbastanza ragionevole per una fotocamera con sensore piccolo alla sensibilità di base.

Sono disponibili anche un paio di modalità video ad alta velocità, che possono essere divertenti per brevi clip. Sono entrambi registrati in modalità silenziosa, come è tipico per le riprese al rallentatore, e vengono acquisiti con risoluzione HD con una velocità di acquisizione di 120 fotogrammi al secondo o con risoluzione VGA con una velocità di 240 fps. Ciò significa un effetto slow motion 4x per filmati HD o un effetto slow motion 8x per filmati VGA. La qualità dell'immagine per quest'ultimo è decisamente incerta, come ci si aspetterebbe da una risoluzione così bassa, ma il filmato HD è in realtà abbastanza ragionevole e rallenta notevolmente l'azione. Ricorda solo di scattare su un treppiede se hai ingrandito molto, poiché il movimento della fotocamera può distrarre abbastanza. (E mantieni la lunghezza della clip ridotta, poiché il filmato al rallentatore può passare da interessante a noioso abbastanza rapidamente se non viene modificato.)

Video diurno, 3.840 x 2.160 pixel a 30 fotogrammi al secondo

Video diurno, 1.280 x 720 pixel a 120 fotogrammi al secondo (acquisizione) / 30 fotogrammi al secondo (riproduzione)

Video diurno, 640 x 480 pixel a 240 fotogrammi al secondo (acquisizione) / 30 fotogrammi al secondo (riproduzione)

Un problema strano che ho notato diverse volte con la Panasonic ZS70 merita comunque una breve menzione. Se hai intenzione di girare filmati molto stabilizzati, potresti abituarti a iniziare a catturare un po 'prima del momento cruciale. La ragione di ciò è che diverse volte, ho notato che il movimento rotatorio indotto dalla mia pressione dei pulsanti del video o dell'otturatore ha fatto sì che il sistema di stabilizzazione dell'immagine inclinasse improvvisamente e in qualche modo ubriaco il filmato, rispetto al mondo reale. Questo si è sempre corretto entro un secondo o due, ma potrebbe rivelarsi piuttosto fonte di distrazione se non si fosse in grado di modificarlo di nuovo. (E l'unico modo per modificarlo sarebbe ingrandire e ritagliare solo un po '.)

E così sono arrivato alla fine del mio secondo e ultimo test sul campo della Panasonic ZS70. (Mi scuso per il fatto che mi mancano i video di esempio notturni sopra; li ho posizionati male e ne girerò altri più imminentemente con cui sostituirli.)

Video diurno, 3.840 x 2.160 pixel a 30 fotogrammi al secondo

Video diurno, 1.280 x 720 pixel a 120 fotogrammi al secondo (acquisizione) / 30 fotogrammi al secondo (riproduzione)

Video diurno, 640 x 480 pixel a 240 fotogrammi al secondo (acquisizione) / 30 fotogrammi al secondo (riproduzione)

Parlando personalmente, comprerei questa fotocamera? Se devo essere sincero, probabilmente no, ma è perché non sono il cliente target per una fotocamera come questa. Sono diventato troppo dipendente da sensori più grandi per la loro qualità dell'immagine e personalmente preferirei una minore portata dello zoom per un sensore più grande in un design tascabile.

Ma se le tue priorità sono diverse dalle mie e preferisci essere in grado di avvicinare il tuo soggetto anche se ciò significa un compromesso nei dettagli e nei livelli di rumore, beh. Devo dire che per gli standard delle fotocamere a sensore piccolo, la Panasonic ZS70 offre una vasta gamma di funzioni, un'ergonomia ragionevole e una qualità dell'immagine accettabile in un pacchetto abbastanza compatto.

Immagine HDR elaborata in Adobe Photoshop CC da una tripletta raw con bracketing dell'esposizione. Vedi l'equivalente JPEG fuori dalla fotocamera per lo scatto più vicino della serie qui.

Recensione Panasonic ZS70 - Panoramica

Proprio come la ZS60 precedente, la Lumix ZS70 sfoggia un obiettivo con zoom ottico 30x di vasta portata in un corpo tascabile, del peso di poco più di 11 once (322 grammi), pronto per scattare con batteria e scheda di memoria.

Al centro della Panasonic ZS70 si trova un nuovo sensore MOS ad alta sensibilità da 1 / 2,3 pollici da 20,3 megapixel e il processore di immagini Venus Engine dell'azienda. Sebbene la sua risoluzione sia stata aumentata solo in minima parte rispetto al sensore da 18 megapixel dello ZS60, è improbabile che quel cambiamento sia evidente nel mondo reale, e senza dubbio ha più a che fare con il portare lo ZS70 oltre la soglia psicologicamente importante dei 20 megapixel, soddisfare i fan delle classificazioni megapixel più grandi e migliori.

Sulla carta, la risoluzione lineare è aumentata di appena un tocco meno del 6% rispetto al modello precedente, per le dimensioni dell'immagine finale di 5.184 x 3.888 pixel, rispetto ai 4.896 x 3.672 pixel della fotocamera precedente. E il leggero aumento della risoluzione porterà probabilmente con sé una altrettanto leggera riduzione delle prestazioni e un aumento dei livelli di rumore. Ciò è confermato da una riduzione della velocità dell'otturatore più lunga in modalità Artistic Nightscape da 60 secondi nel modello precedente a soli 30 secondi nella ZS70, nonché dalla rimozione della modalità di acquisizione ad altissima velocità ultra rapida a 40 fps della precedente ZS60 quando si scatta con l'otturatore elettronico.

Ma il nuovo sensore non è la grande storia qui. Invece, è l'aggiunta di un nuovo meccanismo di articolazione che consente al display da 3,0 pollici e 1.040.000 punti della Panasonic ZS70 di essere capovolto verso l'alto di circa 180 gradi, consentendo di scattare selfie davanti all'obiettivo pur essendo in grado di visualizzare in anteprima l'inquadratura e posa. Questo cambiamento porta con sé un po 'di peso in più, con altezza e profondità che aumentano entrambe di circa 0,1 pollici (

3 mm) e il peso di circa 1,4 once (40 g).

E semplicemente capovolgendo il display di nuova articolazione, il cui pannello sottostante è invariato da quello dello ZS60, metterà automaticamente la Panasonic ZS70 in modalità Self Shot per aiutarti a ottenere i migliori risultati possibili. Sono disponibili varie funzioni per l'acquisizione di selfie, inclusa una modalità Selfie 4K, nonché il ritocco di bellezza nella fotocamera con controllo in 10 passaggi sulla morbidezza della pelle e sulle funzioni snellenti.

Né è tutto sul fronte creativo. Ci sono anche nuove funzioni per il viso e l'otturatore dell'amico nello ZS70, oltre a due ulteriori modalità di bilanciamento del bianco personalizzate. E l'aggiunta di una nuova funzione di focus stacking renderà più facile ottenere i risultati che stai cercando anche dagli scatti macro. Panasonic ha anche rimosso l'acquisizione di filmati VGA in definizione standard dalla scheda tecnica, o almeno ha limitato la sua disponibilità esclusivamente alla registrazione ad alta velocità. E questo, salvo un aumento del 19% della durata della batteria quando si utilizza l'LCD, ma una diminuzione dell'11% della durata della batteria quando si utilizza il mirino, è tutto per i cambiamenti che possiamo vedere.

Sotto altri aspetti, la Panasonic ZS70 sembra essere molto simile al suo predecessore. Per una compatta tascabile e con sensore piccolo è ancora ragionevolmente veloce, offrendo una velocità di burst a piena risoluzione nominale del produttore di cinque fotogrammi al secondo con messa a fuoco automatica tra i fotogrammi o fino a 10 fps senza. Sul ponte anteriore, lo ZS70 vanta un ampio obiettivo con zoom ottico 30x a marchio Leica DC Vario-Elmar che offre di tutto, da un generoso grandangolo equivalente a 24 mm a un teleobiettivo molto potente equivalente a 720 mm. L'apertura massima scende da f / 3.3 con grandangolo af / 6.4 con teleobiettivo. Come nei modelli precedenti della serie, ha una formula ottica a 12 elementi e nove gruppi.

Anche dai precedenti modelli della serie ZS è stato mantenuto il sistema di stabilizzazione dell'immagine a cinque assi della Panasonic ZS70, che aiuta a ridurre l'impatto della sfocatura dovuta alle vibrazioni della fotocamera, cosa che sarà piuttosto importante verso l'estremità del teleobiettivo dell'obiettivo " gamma. E come la ZS60 prima, la Lumix ZS70 sfoggia anche un sistema AF Light Speed ​​a 49 punti che si basa sull'intelligente tecnologia Depth from Defocus di Panasonic per accelerare l'acquisizione della messa a fuoco. Vengono fornite anche le funzioni di tracciamento del viso e degli occhi.

Sul pannello posteriore della Panasonic ZS70, troverai ancora un mirino elettronico basato su un pannello LCD da 389.000 punti da 0,2 pollici con un design sequenziale di campo. Ciò significa che ogni pixel passa da rosso a verde e blu alternativamente ad alta velocità, fornendo informazioni complete sui colori in ogni posizione dei pixel e quindi aumentando la risoluzione percepita a un equivalente di 1.166 k punti, secondo Panasonic. Se si preferisce inquadrare a distanza di un braccio, il monitor LCD ora articolato è ancora un tipo da tre pollici, 3: 2 con una risoluzione di 1.040.000 punti.

Come con i suoi predecessori, la Panasonic ZS70 vanta una connettività Wi-Fi integrata a 2,4 GHz con cui ottenere foto sul tuo smartphone o tablet Android o iOS. E vanta anche l'acquisizione di video 4K a una velocità di 30 fotogrammi al secondo in formato MP4, nonché video Full HD a 60 fps.

La Panasonic ZS70 è stata spedita dalla fine di maggio 2017 in nero o argento per un prezzo di listino di circa 450 dollari.

Test sul campo Panasonic ZS70 Parte I

Tutto lo zoom che può contenere la tua tasca, ora anche selfie-friendly!

Il mercato delle fotocamere compatte potrebbe essere stato decimato dal regno degli smartphone dotati di fotocamera, ma mentre oggigiorno è l'ombra di se stesso, ci sono un paio di segmenti di mercato che rimangono ragionevolmente sani, soprattutto perché si concentrano su offrendo funzionalità che gli smartphone principalmente mancano a causa del loro fattore di forma sottile. Se vuoi vendere una fotocamera compatta, punta e scatta oggigiorno, il modo per farlo è renderla robusta e a prova di vita o regalarla con un obiettivo zoom estremamente potente.

Panasonic ha una vasta esperienza nel mercato degli zoom lunghi e tascabili Panasonic conosce molto di più su quest'ultimo aspetto, poiché da oltre un decennio l'azienda offre fotocamere tascabili con zoom lungo il lancio della Lumix TZ1 all'inizio del 2006. Lungo la strada, la società ha ribattezzato la serie TZ come la serie Lumix ZS nel mercato statunitense, sebbene i modelli strettamente correlati rimangano disponibili nei mercati d'oltremare con il precedente Distintivo Lumix TZ.

Recensione Panasonic TZ90 / ZS70

Domenica 9 luglio 2017

L'ultima fotocamera compatta con zoom da viaggio di Panasonic racchiude molte funzionalità sofisticate dei suoi fratelli Lumix G. Potrebbe essere più potente di una semplice fotocamera da viaggio: potrebbe essere il "prossimo passo avanti" ideale per gli utenti di smartphone? Rispondiamo alle grandi domande nella nostra recensione della Panasonic TZ90 / ZS70.

Recensione della Panasonic TZ90 / ZS70 in 30 secondi…

La Panasonic TZ90 / ZS70 vanta un corpo leggermente più grande rispetto ai suoi predecessori, ma l'azienda ha riempito quello spazio con numerose funzionalità sofisticate, come un mirino elettronico, touchscreen inclinabile, video 4K, modalità 4K Photo, Post Focus e Focus Stacking , AF veloce e molto altro ancora.

La sua qualità costruttiva è robusta e ben studiata e la qualità dell'immagine è eccezionale per le dimensioni del sensore.

La TZ90 / ZS70 è così ricca di funzionalità e facile da usare che credo possa trascendere la sua posizione nella vita come zoom da viaggio ed essere una fotocamera entry-level perfettamente funzionale per gli utenti di smartphone che desiderano scattare di più con la propria fotografia seriamente.

Caratteristiche principali

  • Sensore da 1 / 2,3 pollici e 20,3 megapixel
  • Gamma focale equivalente a 24-720 mm
  • Video 4K in 3840 × 2160 con frame rate fino a 30p
  • Stabilizzazione dell'immagine a 5 assi
  • Ritaglio in tempo reale in modalità video
  • Modalità foto 4K
  • Modalità post focus
  • controllo manuale completo
  • scatto grezzo
  • Sistema AF a 49 aree
  • Scatto continuo a 10 fps (5 fps in modalità AF-C)
  • Velocità massima dell'otturatore di 1 / 16.000 sec (con otturatore elettronico)

Panoramica di Panasonic TZ90 / ZS70

L'ultima fotocamera compatta da viaggio di Panasonic è un superzoom ricco di specifiche, che offre uno zoom ottico 30x con una gamma focale equivalente di 24-720 mm e un sensore da 20,3 megapixel da 1 / 2,3 pollici.

Panasonic ha anche fornito la funzionalità video 4K con zoom da viaggio di punta. La Panasonic TZ90 / ZS70 può registrare video QFHD 4K in 3840 × 2160 con frame rate fino a 30p, o realizzare filmati con effetto slow motion riprendendo a 120 o 100 fps in full HD.

Anche la tecnologia 4K Photo di Panasonic è disponibile, consentendo di riprendere una breve sequenza di video 4K a 30 fps da cui è possibile estrarre immagini fisse da 8 megapixel.

Come molti dei recenti fratelli con obiettivi intercambiabili Lumix G di Panasonic, l'obiettivo fisso TZ90 / ZS70 aggiunge la tecnologia Post Focus dell'azienda, consentendo agli utenti di cambiare il punto focale di un'immagine dopo lo scatto. Inoltre, la funzione Focus Stacking di Panasonic consente ai fotografi di modificare la profondità di campo combinando più immagini.

Altre caratteristiche chiave includono la correzione dell'inclinazione e la stabilizzazione dell'immagine a 5 assi per stabilizzare le riprese a lunghezze focali maggiori. Una nuova funzione 4K Live Cropping ti consente di eseguire la panoramica e regolare la composizione anche dopo il completamento della registrazione, ritagliando leggermente il metraggio. Troverai anche una modalità di scatto silenzioso per quei momenti in cui vuoi essere più discreto.

La TZ90 / ZS70 offre anche l'aggiunta di un mirino e touchscreen LCD inclinabile da 3 pollici e 1040 k punti, un sistema AF a 49 aree, scatto continuo a 10 fps (5 fps in modalità AF-C), otturatore massimo 1 / 16.000 sec. velocità (con otturatore elettronico), una modalità time lapse, più la f

Videos about this topic

Panasonic LUMIX ZS80/TZ95 vs Panasonic LUMIX ZS70/TZ90
PANASONIC LUMIX TZ90 TIPS AND TRICKS - TIP 7 MODE DIAL! SELECT THE CORRECT MODE EACH TIME!
Pros & Cons Before Buying Panasonic ZS70 TZ90 4K Video Camera Vlog! Full HD 2017
LUMIX TIPS AND TRICKS - TZ90 - BEST CAMERA FOR CRAZY BOKEH/PORTRAIT!
Watch This Before You Buy the Nikon Coolpix P1000
Panasonic Lumix DC-ZS70 / TZ90 - Full Review