Recensione Samsung Odyssey G9: Super-Ultrawide

Pazzo veloce, pazzo largo

I più letti

  • 171
  • Facebook
  • Twitter
  • Reddit
  • RSS
  • Commenti

L'enorme Samsung Odyssey G9 è un monitor curvo super ultrawide che promette di offrire l'esperienza di gioco più coinvolgente sul mercato. Alcuni mesi fa abbiamo verificato l'Odyssey G7, la versione 16: 9 di questo display di Samsung, e siamo rimasti piuttosto colpiti dalle prestazioni, quindi speriamo che l'Odyssey G9 possa essere all'altezza dello stesso standard.

Parliamo di alcune specifiche di base.

Questo è un monitor da 49 pollici 5120 x 1440 VA, con un rapporto d'aspetto di 32: 9 equivalente a due display da 27 pollici 2560 x 1440 cuciti insieme uno accanto all'altro.

Il display è davvero enorme, misura oltre 1 metro di larghezza, quindi dovrai assicurarti di avere molto spazio sulla scrivania disponibile per questa bestia. Inoltre, Samsung utilizza la stessa curvatura 1000R dell'Odyssey G7, che a questa larghezza è estremamente evidente.

Non ero un grande fan della curva 1000R sul G7, ho sentito che sembrava abbastanza strano su un monitor 16: 9 e ho introdotto un po 'di distorsione per le attività di base del PC come la navigazione web o la riproduzione di video. Sebbene la distorsione sul G9 continui, per lo più allo stesso grado, è compensata dall'assoluta immersività del display per i giochi.

I bordi del pannello si avvolgono ordinatamente nel tuo campo visivo quando sei seduto a una distanza di visione standard da scrivania e, a differenza del G7, non noti quasi la curva quando esplori mondi di gioco o spari ai nemici. In realtà penso che questo display sarebbe peggiore con una curva meno aggressiva e non molto buono con uno schermo piatto.

Tuttavia, come ho detto, c'è ancora qualche distorsione nelle impostazioni non di gioco, il che non rende l'Odyssey G9 il monitor più versatile. Abbiamo parlato in passato di come display come l'LG 27GN950 siano ottimi come monitor a doppio uso per i giochi e la creazione di contenuti, ad esempio. Non è il caso del G9, questo è un puro monitor da gioco.

Adattandosi al suo focus come display da gioco, l'Odyssey G9 racchiude specifiche impressionanti. La frequenza di aggiornamento arriva fino a un mostruoso 240 Hz, il più alto che abbiamo visto per questa risoluzione. Il display ha quasi il 90% del numero di pixel di un monitor 4K ma una frequenza di aggiornamento molto più alta rispetto a qualsiasi display 4K oggi sul mercato, quindi spingerà davvero la tua GPU ai suoi limiti e fornirà molte prove future per gli aggiornamenti verso il basso. linea. È anche compatibile con G-Sync e include il supporto AMD FreeSync Premium Pro, con anche la certificazione DisplayHDR 1000.

L'Odyssey G9 può essere composto da due monitor da 1440p affiancati, ma non costa quanto due monitor da 1440p, piuttosto è più costoso. Un singolo Odyssey G7 da 27 pollici ti costerà $ 700, mentre l'Odyssey G9 ha un prezzo al dettaglio normale di $ 1700, o circa un 20 percento in più per ottenere questa risoluzione in un singolo display. Occasionalmente abbiamo visto il G9 disponibile con uno sconto, ma è comunque un display premium.

Il design, tutto sommato, è abbastanza buono e siamo rimasti colpiti da ciò che Samsung è stata in grado di ottenere con un display così grande. Il supporto è regolabile in altezza e inclinazione come ci aspettavamo, ma può anche ruotare e rimane robusto mentre lo fa. Per una bestia grande e pesante che è larga più di un metro, avere questo raggio di movimento nello stand è impressionante.

Dovrai trovare un bel po 'di spazio sulla scrivania per adattarsi alle gambe larghe del supporto, anche se oltre a questo è abbastanza ragionevole. La costruzione ha un aspetto e una sensazione premium, con Samsung che opta per un retro bianco lucido simile alla fantascienza con un anello LED RGB luminoso attorno alla connessione del supporto. Sembra buono da entrambi i lati, anche se naturalmente dalla parte anteriore l'enorme display dominerà ciò che stai guardando.

In termini di porte, le inclusioni chiave sono due DisplayPort 1.4 e un ingresso HDMI 2.0. Avrai bisogno di una GPU in grado di supportare la compressione Display Stream su DisplayPort per raggiungere la risoluzione completa di 5120 x 1440 a 240 Hz, mentre la porta HDMI è limitata a soli 60 Hz.

La visualizzazione sullo schermo utilizza un comando di commutazione direzionale e un'interfaccia piuttosto fluida che è facile da navigare. La gamma di funzionalità di Samsung è decente, con funzionalità per i giocatori come mirini e modalità di potenziamento del nero, oltre a una gamma di controlli del colore. Ottieni anche un'immagine nell'immagine che è abbastanza utile per un display così grande che si adatta bene a due ingressi 1440p affiancati. Sfortunatamente, non c'è effetto stroboscopico della retroilluminazione, una delle poche cose che erano disponibili su G7 ma non si trovano su G9.

Rendimento di visualizzazione

Prima di entrare nella sezione delle prestazioni di questa recensione, riteniamo che valga la pena toccare alcuni dei problemi di garanzia della qualità e rapporti tremolanti che abbiamo letto sull'Odyssey G9. Sembrava che i primi acquirenti di questo display ricevessero unità con un controllo di qualità scadente e numerosi problemi, facendo sì che Samsung richiamasse il monitor ed eseguisse un controllo di qualità aggiuntivo. Anche se il "richiamo" non è mai stato ufficiale e rimane una voce non confermata, sembra che ci siano stati ritardi sul secondo round di scorte e la nostra unità ha un adesivo "QA verificato" sulla scatola.

Per quanto ne sappiamo dagli acquirenti che hanno ricevuto unità più nuove negli ultimi mesi, così come dalla nostra unità, la maggior parte di questi problemi di QA è stata risolta. La qualità costruttiva e dell'immagine sulla nostra unità di prova è davvero molto buona, sicuramente niente a che fare con alcuni dei rapporti iniziali. E con l'ultima versione del firmware 1008.1, che tutti i proprietari dovrebbero scaricare e applicare, non abbiamo riscontrato alcun problema di sfarfallio durante il gioco.

Tuttavia, ci sono due problemi persistenti con il G9 di cui i primi utenti dovrebbero essere consapevoli. Il primo è che abbiamo notato uno sfarfallio durante il test della modalità HDR del monitor a 240 Hz, anche se non era presente a 120 Hz. Il secondo è che il G9 non funziona con le GPU della serie GeForce RTX 30 a 240 Hz con i driver più recenti. Questo è un problema del driver Nvidia, poiché il display funziona su schede della serie 20 che supportano DSC e funziona bene anche sulle GPU AMD supportate, alla massima frequenza di aggiornamento. Prevediamo che alla fine il problema verrà risolto, ma al momento non è una buona situazione per un monitor che Nvidia ha certificato come "compatibile con G-Sync".

È ora di dare un'occhiata ai tempi di risposta e, come con l'Odyssey G7, se si utilizza il display con sincronizzazione adattiva della frequenza di aggiornamento variabile abilitata e sospettiamo che saranno la maggior parte delle persone dato che questo monitor funziona con tutte le GPU moderne, allora non sarai in grado di modificare l'impostazione dell'overdrive. Quindi il focus di questo test sarà uno sguardo a questa modalità singola.

Samsung Odyssey G9 - Adaptive Sync - 240 Hz

Ciò che è immediatamente chiaro quando si visualizzano le prestazioni del tempo di risposta a 240 Hz è che Odyssey G9 e Odyssey G7 non offrono la stessa esperienza. Il G9 nei nostri test è un monitor più veloce a questa frequenza di aggiornamento, con un'impressionante media di 1,94 ms da grigio a grigio, tuttavia questo avviene al costo di un livello più elevato di overshoot. Ci sono molte altre transizioni in cui il ghosting inverso è evidente, anche se fortunatamente queste tracce di ghost inverse decadono rapidamente, quindi non sono ovvie, ma sospettiamo che la maggior parte delle persone le vedrà ancora. Idealmente, invece di spingere fino a un tempo di risposta medio di 2 ms, G9 ridurrebbe leggermente l'overdrive per ridurre l'overshoot.

Come con il G7, tuttavia, non ci sono sbavature di livello scuro poiché Samsung ha risolto efficacemente questo problema con la sua ultima generazione di pannelli VA. L'overshoot è più alto nelle regioni scure, ma le risposte lente nella gamma di grigio 0-40% non sono più, quindi non vedrai lunghe scie scure dietro gli oggetti in movimento. In genere questa è un'esperienza chiara.

Samsung Odyssey G9 - Adaptive Sync - 200 Hz

Ora molte persone che visualizzano questa immagine saranno probabilmente deluse dalle prestazioni offerte qui, dato l'alto livello di superamento. Ma ci sono buone notizie, perché è davvero solo a 240Hz che il superamento è problematico. Quando si passa a 200 Hz, la maggior parte dell'overshoot del pannello scompare, lasciando solo alcuni problemi per le transizioni scure. Rimane un tempo di risposta medio di 2,57 ms, che è molto veloce per un monitor moderno. In effetti, possiamo dirti che questa performance è vera fino a 220 Hz circa, rendendo solo i primi 20 Hz poveri in termini di overshoot. Dato che giocare a una risoluzione così alta sopra i 220Hz sarà difficile almeno per i prossimi anni, avere i 20Hz migliori con prestazioni peggiori non è l'ideale, ma non è così male come avrebbe potuto essere.

Samsung Odyssey G9 - Adaptive Sync - 165 Hz, 144 Hz, 120 Hz, 100 Hz, 85 Hz, 60 Hz

A frequenze di aggiornamento inferiori da 165 Hz fino a 60 Hz, le prestazioni rimangono più o meno le stesse con piccole modifiche ai tempi di risposta che offrono un'esperienza compresa tra 2,0 e 3,3 ms per la maggior parte. La maggior parte delle frequenze di aggiornamento presenta ancora alcuni problemi di overshoot nella regione oscura, ma le prestazioni sono molto elevate e fulminee, offrendo grande chiarezza in particolare a frequenze di aggiornamento più elevate. Significa anche che otteniamo una singola esperienza in modalità overdrive per i giochi ad aggiornamento variabile, un requisito per i display di fascia alta e non avere accesso alle impostazioni di overdrive non è troppo problematico.

Quando si confronta l'Odyssey G9 con altri monitor sul mercato, questo nuovo super ultrawide Samsung si impone favorevolmente quando si tratta di tempi di risposta alla massima frequenza di aggiornamento. Tuttavia, a causa dell'elevato overshoot, il G9 sacrifica la precisione per arrivarci, quindi alla fine pannelli come l'Asus PG259QN e l'Odyssey G7 offrono un'esperienza migliore, sebbene siano di classi diverse.

È in termini di prestazioni medie nell'intervallo di aggiornamento variabile che G9 brilla, in cima alle classifiche. Come abbiamo detto prima, solo sopra i 220Hz il monitor soffre di un elevato overshoot ea tutte le altre frequenze di aggiornamento la quantità di overshoot è gestibile. Sebbene l'Odyssey G9 abbia ancora un tasso di ghosting inverso medio relativamente alto rispetto ad altri display, ha una media di 2,7 ms da grigio a grigio, che lo rende il display più veloce che abbiamo testato e leggermente più veloce dell'Odyssey G7. < / p>

Batte anche facilmente altri monitor ultrawide nelle nostre classifiche, inclusi concorrenti come l'LG 34GN850, sebbene si tratti di un display più costoso, è bello vedere che Samsung offre.

La sbavatura del livello scuro non è un problema con l'Odyssey G9, come con l'Odyssey G7. Questa è davvero la prima serie di pannelli VA in cui le prestazioni scure sono accettabili rispetto alle alternative TN e IPS, e questa è un'ottima cosa per il futuro di questa tecnologia dei pannelli.

I tassi di errore medi sono molto alti a 240 Hz, solo per evidenziare ulteriormente ciò di cui abbiamo parlato in precedenza. Per quanto riguarda le prestazioni a 60 Hz, il display è veloce, in particolare quando si utilizza una frequenza di aggiornamento variabile. Il display offre prestazioni notevolmente peggiori a 60 Hz fissi rispetto all'utilizzo di 60 Hz nell'ambito dell'aggiornamento variabile con un aggiornamento massimo di 240 Hz, quindi questo display è davvero orientato al gioco con frequenza di aggiornamento variabile.

Il ritardo di input è molto buono, essenzialmente senza ritardi di elaborazione sul lato del monitor e, se supportato da tempi di risposta estremamente rapidi e una frequenza di aggiornamento elevata, il ritardo totale nella catena è inferiore a 5 ms, uno dei migliori risultati che abbiamo visto. Detto questo, dovremmo sottolineare che il ritardo di input è molto più alto se prevedi di far funzionare il monitor nella sua modalità a 60 Hz, anche se non pensiamo che molte persone lo faranno.

Naturalmente, il consumo energetico è elevato, anche se non peggiore dell'Acer Predator X35 che utilizza un pannello più piccolo con retroilluminazione FALD. Il consumo è anche meno del doppio dell'Odyssey G7 nonostante abbia il doppio dello spazio sullo schermo, quindi da quel punto di vista è più efficiente avere un G9 rispetto a due G7 con un discreto margine.

Prestazioni del colore

Spazio colore: Samsung Odyssey G9 - D65-P3

Per le prestazioni cromatiche, l'Odyssey G9 copre l'89% della gamma di colori DCI-P3, in linea con l'Odyssey G7 e altri monitor VA che abbiamo visto negli ultimi anni. La copertura della gamma non è così impressionante come la maggior parte dei monitor IPS moderni, quindi non è sufficiente per il lavoro con colori ad ampia gamma, ma offre una gamma di colori più ampia di sRGB per una maggiore saturazione e colori migliori in modalità HDR.

Prestazioni colore predefinite

Samsung Odyssey G9 - D65-P3, testato a risoluzione nativa, frequenza di aggiornamento più alta Portrait CALMAN Ultimate, target del valore DeltaE: inferiore a 2.0, target CCT: 6500K

Scala di grigi, saturazione e ColorChecker

La precisione del colore fuori dagli schemi è nella media, non buona come l'Odyssey G7 in termini di aderenza alla curva gamma sRGB. Con la gamma totale nella gamma 2.4, questo rende il monitor in media troppo scuro e ciò porta a risultati deltaE mediocri. Ciò influisce anche sulla saturazione e sui risultati di ColorChecker, con le medie deltaE 2000 nell'intervallo da 3,0 a 4,0 che sono intorno alla media di un monitor da gioco, certamente non migliori della media come ci aspetteremmo da un display di fascia alta.

Prestazioni cromatiche ottimizzate per OSD

Samsung Odyssey G9 - sRGB, testato a risoluzione nativa, frequenza di aggiornamento più alta Ritratto CALMAN Ultimate, Target del valore DeltaE: inferiore a 2.0, Target CCT: 6500K

Saturazione

Questa prestazione non può essere migliorata in modo significativo con le regolazioni delle impostazioni OSD. Esiste una modalità sRGB che limita la gamma in qualche modo bene a sRGB, ma altrimenti ha problemi con la saturazione e ciò porta a prestazioni deltaE elevate che non sono significativamente migliorate rispetto alla configurazione predefinita. La migliore linea d'azione qui è una calibrazione completa.

Prestazioni cromatiche calibrate

Samsung Odyssey G9 - D65-P3, testato a risoluzione nativa, frequenza di aggiornamento più alta Portrait CALMAN Ultimate, target del valore DeltaE: inferiore a 2.0, target CCT: 6500K

Scala di grigi, saturazione e ColorChecker

In genere otteniamo risultati solidi da una calibrazione DisplayCAL a parte alcune incongruenze qua e là. Come ho detto alcune volte in questa recensione, l'Odyssey G9 non è un monitor ideale per un lavoro accurato del colore a causa della sua curva e della copertura P3 insufficiente, ma puoi comunque ottenere risultati rispettabili per sRGB e P3 con un colore profilo.

La luminosità in modalità SDR è forte, con oltre 400 nit di picco, mentre la luminosità minima è buona anche intorno alla gamma di 60 nit. Il rapporto di contrasto, d'altra parte, non è impressionante per un pannello VA. Mentre a 2000: 1 è superiore ai monitor IPS e TN, è dietro i migliori pannelli VA che abbiamo testato. Quindi puoi aspettarti neri un po 'più profondi di un IPS, ma non ti darà la migliore esperienza che abbiamo visto in quella zona.

L'uniformità era sorprendentemente buona per un display così ampio, producendo risultati migliori rispetto all'Odyssey G7, in particolare per l'uniformità grigio scuro in cui il G7 aveva un evidente effetto bleeding della retroilluminazione lungo i bordi esterni. Non era un problema con la nostra unità G9 e in generale siamo rimasti colpiti da quanto sia uniforme l'immagine, anche se i risultati deltaE non sono perfetti. Questo è un display molto ampio, quindi ottenere l'uniformità perfetta è una sfida e riteniamo che Samsung abbia fatto bene qui.

Per concludere i nostri test, ecco una rapida occhiata alle prestazioni HDR. Come il G7, l'Odyssey G9 è un pannello semi-HDR in quanto ha alcune aree superiori ai normali display SDR, come una gamma di colori più ampia e un'elevata luminosità di picco, ma manca di un forte rapporto di contrasto. Questo perché l'Odyssey G9 dispone solo di 10 zone di attenuazione locale illuminate dai bordi, il che è insufficiente per un display così grande. Anche se occasionalmente potresti essere in grado di ottenere un'esperienza migliore dell'SDR a causa dell'elevata luminosità del flash o dei colori migliori, la quantità di alone intorno agli oggetti luminosi a causa dell'oscuramento del conteggio delle zone basso è terribile e influisce negativamente sull'esperienza. < / p>

La luminosità sostenuta a schermo intero è di circa 650 nit, un valore rispettabile e decisamente sufficiente per la maggior parte dei contenuti. Anche la luminosità del flash è molto forte con oltre 1100 nit, corrispondente ad alcuni dei migliori monitor FALD HDR che abbiamo recensito. Vediamo anche intorno a quel segno di 1100 nit a finestre di dimensioni inferiori al 25% circa, quindi i piccoli elementi luminosi sono ben illuminati su questo monitor, con una diminuzione a 650 nit a dimensioni della finestra più grandi.

Per contrasto, ci sono buone e cattive notizie. La buona notizia è che l'array di attenuazione locale spegnerà completamente la retroilluminazione per mostrare il nero, il che si traduce in un contrasto tra flash e nero molto elevato che supera le capacità dei nostri strumenti di test.

L'Odyssey G9 ha anche un vantaggio nel nostro miglior test di contrasto per fotogramma singolo a causa delle dimensioni del pannello. Se hai un elemento luminoso sul lato sinistro del display, può essere visualizzato fino a 1100 nit, mentre un'area scura sul lato destro potrebbe avere la retroilluminazione FALD completamente spenta, fornendo 0 nit. Non ci sono sbavature tra queste zone poiché il pannello è così massiccio, quindi è possibile avere un enorme rapporto di contrasto sullo schermo allo stesso tempo.

Tuttavia, in modo più realistico vedremo questi numeri dei casi peggiori, in cui l'Odyssey G9 offre solo il suo rapporto di contrasto nativo. Questo perché il conteggio delle zone di oscuramento locale è molto basso, quindi vedrai enormi aloni che si estendono da tutte le aree luminose ai bordi del pannello. Questo è molto evidente e sembra terribile. Nelle scene dinamiche con molte aree diverse di ombre chiare e scure, a volte potresti ottenere un contrasto leggermente migliore del contrasto SDR, ma se la scena è occupata otterrai questi numeri del caso peggiore che non sono impressionanti.

Cosa abbiamo imparato

Il Samsung Odyssey G9 è un monitor super ultrawide premium per i giochi che occupa una nicchia che semplicemente non puoi ottenere con nessun altro monitor sul mercato.

Ha una combinazione unica di una risoluzione a doppia larghezza di 1440p, frequenza di aggiornamento di 240 Hz super alta ea prova di futuro e colori VA decenti che saranno molto attraenti per coloro che desiderano mettere insieme una configurazione di gioco d'élite.

I punti di forza dell'Odyssey G9 risiedono interamente nelle prestazioni dei tempi di risposta. Sebbene ci siano alcuni errori a 240 Hz, a frequenze di aggiornamento da 220 Hz e inferiori, il G9 offre prestazioni eccezionali tra i monitor più veloci che abbiamo testato. Questo aiuta a fornire un'esperienza di gioco con un'eccellente chiarezza del movimento e un frame rate elevato e fluido, senza nessuno dei tipici svantaggi VA come sbavature di livello scuro. Vedere un punteggio del panel VA così alto nelle nostre classifiche è impressionante, e lo è doppiamente quando si tratta di una risoluzione così alta.

Anche il G9 fa alcune cose meglio del G7. In particolare, riteniamo che la curva 1000R sia molto più appropriata per un display così massiccio e aggiunge davvero l'immersione durante il gioco. L'unità che abbiamo testato aveva anche una migliore uniformità e in modalità HDR può diventare un po 'più luminosa se sei interessato ai giochi in quella modalità.

Samsung riesce anche a fornire buone prestazioni di colore. Stai ottenendo buoni angoli di visione, un'ampia gamma di colori e un rapporto di contrasto migliore di IPS che rende il G9 migliore per i giochi in ambienti bui. La calibrazione del colore è solo nella media, la copertura della gamma P3 è inferiore a quella dei migliori display IPS oggi nonostante si utilizzi la tecnologia Quantum Dot e il rapporto di contrasto potrebbe essere migliore per un VA.

Nel complesso, il G9 offre una grafica molto buona, semplicemente non è proprio lì come monitor a doppio uso (gioco e produttività) e la curva non aiuta in questo senso. Se stai acquistando un Odyssey G9, dovrebbe essere per giochi ad alta frequenza di aggiornamento su un enorme schermo ultrawide e nient'altro.

Videos about this topic

Recensione Canon TS8050 - La Miglior Multifunzione della Categoria
Canon Ts 8220 Printhead Cleaning Solution & Repair
Cosa fare se la stampante non si accende
Stampante inkjet multifunzione Canon Pixma MG5750 - Recensione ITA -
Canon PIXMA TS8220 -- Installing The FINE Cartridges
Canon TS8050 (TS8020) all-in-one printer review - a great all-rounder?