Recensione Sony A8G (TV OLED 4K UHD 2019)

Sony A8G (USA) - AG8 (Regno Unito / Europa)

Progettazione

Qualità video

Ingressi e porte

Sistema operativo, app e funzionalità

Prezzo / qualità

  • Eccellente qualità dell'immagine
  • Ottime prestazioni di movimento
  • Angoli di visualizzazione sorprendenti
  • Molte funzioni e servizi
  • Utilizza il processore X1 Extreme meno capace
  • Nessun supporto HDMI 2.1 o eARC
  • La qualità del suono è nella media
  • Telecomando mediocre

Luoghi più economici da acquistare:

Se stai cercando di acquistare un OLED Sony quest'anno, le tue opzioni sono piuttosto limitate poiché Sony ha rilasciato solo due modelli per la sua gamma 2019. Il loro fiore all'occhiello Sony A9G che avevamo recensito alcuni mesi prima (lo potete trovare QUI) e ha ottenuto ottimi punteggi da noi così come l'A8G più economico e conveniente. Nella recensione odierna della Sony A8G abbiamo il piacere di controllare il più conveniente dei due e vedere quanto stiamo perdendo rispetto al modello di punta a causa del prezzo inferiore.

L'A8G condivide molte somiglianze con l'A9G. Fondamentalmente tutti i modelli OLED hanno caratteristiche simili poiché l'utilizzo della stessa tecnologia OLED significa che tutti ottengono i folli livelli di nero profondo, contrasto infinito e angoli di visione eccellenti. Quindi, a questo proposito, l'A8G è destinato a funzionare esattamente allo stesso modo del fratello maggiore. Ma ci sono molte altre caratteristiche e specifiche che possono essere influenzate dal taglio di prezzo, quindi è nostro dovere trovare queste differenze e vedere quanto influiscono sul valore complessivo dell'A8G.

Prima di iniziare, dobbiamo menzionare che la Sony A8G è dotata di un pannello OLED, presenta il processore X1 Extreme, supporta HDR10, HLG e Dolby Vision, viene fornita con il sistema audio Acoustic Surface Audio di Sony e ha Android TV 8.0 installato con tutti è sistemi, app e servizi intelligenti. Quindi, detto questo, iniziamo la nostra recensione e ci assicureremo di sottolineare le differenze chiave con l'A9G mentre ne analizziamo ogni aspetto. Queste differenze sono così grandi da influenzare le prestazioni complessive dell'A8G o stiamo parlando principalmente di caratteristiche secondarie che le rendono meno importanti? Continua a leggere per scoprirlo.

Progettazione

Dal punto di vista del design, l'A8G presenta un aspetto diverso rispetto all'A9G, ma anche così siamo riusciti a identificare vibrazioni di design simili a quelle del fratello maggiore. Ancora una volta la TV si trova su un piedistallo centrale piuttosto unico e ne parleremo tra poco. Avere un pannello OLED significa che l'A8G è estremamente sottile anche nella parte inferiore dove troviamo tutta l'elettronica e misura circa 5cm. Lo spessore sembra essere leggermente superiore a quello dell'A9G ma è comunque estremamente sottile rendendolo un modello straordinario da montare a parete senza distrarre. I bordi sono molto sottili e simili all'A9G, rendendo l'A8G molto bello ed elegante.

Girando la TV troviamo un design molto pulito e semplice con linee rette e spigoli vivi che sono molto simili all'A9G solo qui i quadrati sono più grandi in confronto. Tutti i connettori sono raggruppati in un riquadro sul lato destro mentre otteniamo anche i soliti quelli dall'aspetto laterale di cui parleremo più avanti. In generale non c'è molto da dire qui. Sembra che sia ben costruito e in linea con la qualità che ti aspetteresti da un modello OLED.

Parliamo ora un po 'dello stand, che è completamente diverso da quello che abbiamo visto nella A9G. Quello che otteniamo qui è un supporto centrale dall'aspetto a mezzaluna che può essere utilizzato in entrambi i modi. Poiché la distanza dai fori è la stessa, puoi scegliere quale lato preferisci senza compromettere in alcun modo la stabilità del televisore.

Avere un supporto centrale significa che l'unità può oscillare un po 'soprattutto per il modello da 65 "ma non c'è pericolo che cada, quindi non dovresti preoccuparti. Inoltre con un piedistallo centrale si ha la possibilità di posizionare la TV anche in piccoli mobili in quanto ha un ingombro ridotto rispetto ai piedistalli da banco. Infine le gambe che collegano il piedistallo al televisore sono cave e possono essere utilizzate per guidare i cavi da lì in modo da nasconderli il più possibile.

Per ultimo abbiamo lasciato il telecomando e purtroppo qui siamo rimasti delusi. E con questo intendiamo che mentre per l'A9G abbiamo ottenuto il nuovo telecomando dall'aspetto più premium nell'A8G, troviamo il solito telecomando in plastica e dall'aspetto economico che avevamo visto molte volte prima. Ottenere un modello OLED, anche se questo è l'A8G più economico significa che ottieni un'unità premium, quindi speravamo di ottenere quello migliore che abbiamo trovato sia nell'A9G che nell'X950G, ma sembra che questo sia uno degli elementi che Sony ha scelto per ridurre parte dei costi.

Quello che otteniamo utilizza segnali IR, quindi hai bisogno di una linea visiva diretta mentre usa il Bluetooth per inviare i comandi vocali alla TV poiché è dotata di un microfono integrato a tale scopo. Per quanto riguarda il layout e il design dei pulsanti non c'è molto da dire in quanto è il tipico telecomando che troverai in molti altri dispositivi. I pulsanti circolari hanno una sensazione di gomma mentre il loro posizionamento è fatto in base alle loro funzioni. In quanto tale in alto abbiamo tre grandi pulsanti per la selezione degli input, i comandi vocali e l'alimentazione.

Sotto un tastierino numerico con due grandi pulsanti dedicati sotto per Google Play e Netflix mentre quattro pulsanti colorati per la selezione intelligente sono posizionati sopra i consueti controlli di navigazione. Di seguito troviamo i controlli per volume e canali mentre in basso è presente un gruppo per i controlli di riproduzione. Infine, dobbiamo ricordare che non esiste una funzione di retroilluminazione che renda le cose difficili da gestire al buio.

Chiudendo questa sezione riteniamo che, essendo un OLED più economico, l'A8G abbia un ottimo design e una qualità costruttiva, ma siamo un po 'delusi dal fatto che non abbiamo ricevuto il nuovo telecomando più premium, quindi andrà sicuramente perso alcuni punti lì.

Qualità video

Tecnologia del processore utilizzata

Una delle aree in cui Sony ha dovuto tagliare gli angoli per ridurre i costi è stata anche il silicone utilizzato con l'A8G utilizzando una versione precedente della famiglia di processori X1. Mentre l'A9G ha ricevuto l'ultimo X1 Ultimate qui, invece abbiamo l'X1 Extreme. Allora quali sono le differenze tra i due? L'X1 Extreme è ovviamente meno capace di elaborazione, mentre perde anche alcune delle migliori tecnologie come la super risoluzione basata su oggetti e Pixel Contrast Booster.

Ma questo non significa che l'X1 Extreme non sia un buon chip. Al contrario, presenta alcune specifiche molto impressionanti anche se non è più il top della gamma. Di conseguenza, otteniamo un remaster HDR basato su oggetti che analizza i colori e il contrasto dei singoli oggetti sullo schermo e lo regola di conseguenza.

Insieme alla doppia elaborazione del database che viene utilizzata per ridurre il rumore sullo schermo e la risoluzione di alto livello, Super bit mapping HDR che mostra più sfumature di colore che migliorano la gradazione del colore ed elimina le bande, Dynamic Contrast Enhancer e il motore 4K X-Reality Pro Il processore X1 è un pezzo di silicio serio che garantirà la migliore qualità dell'immagine possibile.

Tecnologia di illuminazione utilizzata

Con l'A8G l'utilizzo di un pannello OLED significa che viene fornito con tutti i vantaggi che questa tecnologia offre. OLED non utilizza alcuna retroilluminazione come fanno gli LCD a LED, quindi può accendere e spegnere ogni singolo pixel dando a questo televisore un controllo straordinario sulle sue capacità di illuminazione. il che significa incredibili livelli di nero profondo che devi davvero vedere per credere, mentre un controllo della luce così estremo significa che la fioritura che sta affliggendo la maggior parte degli LCD LED qui è inesistente.

Con il pannello OLED dotato di pixel autoemittenti non devi preoccuparti di questo problema che distrae molto quando guardi oggetti molto luminosi su uno sfondo scuro. Gli LCD LED hanno perdite di luce ai pixel vicini dalla retroilluminazione e l'unico modo per combattere questo è utilizzare un sistema di illuminazione FALD con il maggior numero di zone di attenuazione possibile. Ma questo rende questi televisori molto costosi e il risultato non è preciso come in questo OLED.

Fino a quando non vedremo sviluppare una nuova tecnologia, OLED è considerata la migliore tecnologia per pannelli TV finora e l'A8G è simile in questo a tutti gli altri modelli OLED sul mercato.

Luminosità / Contrasto

Quando si parla di luminosità, le cose non sono cambiate molto ultimamente. Negli ultimi due anni sembra che i produttori di OLED abbiano raggiunto una sorta di muro in quanto non vi è alcun miglioramento in questo senso e si sono concentrati principalmente su altre aree per migliorare la qualità dell'immagine. La luminosità è sempre stata una delle maggiori debolezze degli OLED in quanto non possono raggiungere i livelli di luminosità folli degli LCD a LED, ma i neri profondi annullano in qualche modo questo problema. Con l'A8G abbiamo ottenuto un comportamento simile all'A9G precedentemente testato.

Nelle nostre misurazioni siamo riusciti a ottenere circa 420 nits di luminosità SDR su una finestra del 10%, il che è ottimo e più che sufficiente per qualsiasi tipo di contenuto SDR. Con i nostri test di luminosità HDR su una finestra del 10% siamo riusciti a ottenere 622 nits che descriveremmo come adeguati ma ovviamente non può competere con alcuni LCD che possono superare i 1000 nits. I numeri che abbiamo ottenuto con l'A8G sono estremamente vicini a quelli che abbiamo visto durante i nostri test A9G e potremmo anche dire che sono esattamente gli stessi, rendendo i due modelli ugualmente capaci in questo senso.

Come accennato prima, avere un pannello OLED significa che l'A8G può disattivare i singoli pixel dando a questa unità un rapporto di contrasto infinito con livelli completamente neri che sono di gran lunga superiori ai neri grigiastri che di solito vediamo negli LCD di livello medio e inferiore. Anche l'uniformità del pannello dell'unità che abbiamo testato è stata ottima, caratteristica di tutti gli OLED.

Una cosa che continuiamo a menzionare in tutte le nostre recensioni di TV OLED è il problema della conservazione permanente dell'immagine che è caratteristica della tecnologia utilizzata. I produttori utilizzano varie funzionalità per proteggere i loro pannelli OLED da questo problema e in quello Sony troverai Pixel Shift nelle impostazioni TV e Aggiornamento pannello che dovresti usare con la frequenza suggerita da Sony. Per evitare il burn-in permanente di grafica statica e loghi, dovresti fare delle pause ogni poche ore per consentire l'aggiornamento dei pixel.

Un'ultima cosa da sottolineare è che durante la visualizzazione di immagini HDR statiche per un lungo periodo di tempo, l'A8G abbasserà gradualmente la luminosità complessiva per evitare il burn-in. Questa riduzione è così lenta che probabilmente passerà inosservata ai più, ma in confronto la differenza è più che ovvia ed è una caratteristica che dovresti conoscere. Quando l'immagine si aggiorna, la luminosità torna ai valori originali fino a quando un'altra immagine statica rimane a lungo sullo schermo, quindi ricomincia un nuovo ciclo.

Angoli di visualizzazione

Essendo l'A8G un OLED, significa che ottieni gli angoli di visione estremi per cui questa tecnologia è così famosa per renderlo un modello ideale se hai più posizioni di visualizzazione nell'area che intendi configurare. Gli LCD non possono nemmeno avvicinarsi agli angoli di visualizzazione che otteniamo qui anche con l'inclusione di alcune tecnologie e filtri che sono stati creati per migliorare questo.

Con l'A8G abbiamo misurato un angolo di visione di 50 gradi per essere il massimo che puoi guardare con l'immagine che mantiene la maggior parte della sua integrità. Qualunque cosa in più e il degrado della qualità dell'immagine sarà più che visibile. Ma non possiamo credere che avresti una normale esperienza visiva con un angolo così estremo, quindi i 50 gradi offrono una flessibilità più che sufficiente, facendo sì che l'A8G funzioni in modo simile in questo con il modello A9G di punta.

Supporto HDR

La Sony A8G viene fornita con lo stesso supporto dell'A9G, il che significa che abbiamo tutti e tre i protocolli HDR che fanno tutti gli altri modelli di livello medio e alto. Ciò significa che otteniamo l'HDR10 di base necessario per la riproduzione UHD di base, HLG che viene utilizzato per la trasmissione e il Dolby Vision più avanzato che utilizza metadati dinamici. Ciò che manca è il rivale di Dolby Vision chiamato HDR10 + e se vogliamo credere alle affermazioni di Sony, non lo vedremo in nessun TV Sony in qualsiasi momento, poiché sembra che supportino pienamente l'avanzato HDR di Dolby. Se questo cambierà in futuro resta da vedere, ma per il momento ti suggeriamo di non trattenere il respiro su questo.

Copertura del colore

L'A8G supporta naturalmente l'ampio spettro di colori che lo rende in grado di visualizzare una gamma più ampia di colori che può produrre immagini più vivide e realistiche. La copertura che abbiamo misurato nello spazio colore DCI-P3 è stata eccellente con una copertura del 97% mentre nello spazio colore più ampio REC.2020 il valore che abbiamo ottenuto è stato del 73% che consideriamo anche molto buono e sopra la media. Questi valori sono estremamente vicini a ciò che l'A9G è stato in grado di darci, quindi consideriamo che entrambi i modelli si comportano molto vicini a questo proposito. Risultati eccellenti per conto dell'A8G ed è un'altra funzionalità che ha le stesse prestazioni dell'ammiraglia di Sony.

Prestazioni in movimento

Quando si parla di prestazioni di movimento, sembra che entrambi i modelli OLED di Sony nel 2019 abbiano prestazioni estremamente vicine. Ciò significa che l'A8G dispone anche della famosa tecnologia Motion Flow XR di Sony e, in combinazione con il pannello a 120 Hz dell'unità, l'A8G può produrre un movimento molto fluido che è tremolante e privo di sfocature durante le panoramiche veloci della fotocamera.

Avere caratteristiche simili significa che abbiamo anche la funzione opzionale BFI (Black Frame Insertion) che può uniformare il movimento inserendo un fotogramma nero tra due singoli fotogrammi durante la riproduzione. Questa funzione purtroppo ha un paio di effetti collaterali, uno dei quali è la luminosità inferiore a causa delle cornici nere e il secondo potrebbe mostrare uno sfarfallio che può essere fastidioso per alcune persone. L'interpolazione del movimento funziona molto bene in questa unità, ma per ottenere risultati ottimali dovresti usare impostazioni basse per rendere più fluido il movimento senza far apparire l '"effetto Soap Opera".

L'A8G, come tutti i televisori Sony nel 2019, non supporta alcun tipo di tecnologia a frequenza di aggiornamento variabile, quindi non c'è supporto VRR, FreeSync o G-SYNC. Ma anche così la TV è riuscita a darci una prestazione molto solida al riguardo.

Input lag

Diamo ora un'occhiata al ritardo di input poiché questa è una caratteristica molto importante per i giocatori seri. L'A8G ci ha dato una media di 32,5 ms, con la modalità di gioco abilitata, che consideriamo molto buona ma non eccezionale ed è decisamente peggiore di altri televisori di alto livello che oscillano nella gamma di 15-20 ms. Rispetto all'A9G abbiamo ottenuto valori leggermente peggiori ma anche con questo tipo di input lag dovresti essere in grado di giocare con tempi di reazione molto rapidi anche se ti consideri un giocatore serio. Qualsiasi TV che si aggiri intorno ai 30 ms dovrebbe essere considerata adeguata e l'A8G manca solo leggermente questo segno.

Come sempre per questo test, abbiamo collegato la nostra PS4 per un po 'di tempo di gioco di Call of Duty WW2. Call of Duty è un gioco che richiede tempi di reazione rapidi ed è un ottimo test per avere una prima mano di sentire come si comporta la TV con il ritardo di input in primo piano. Ovviamente non ci consideriamo giocatori hardcore, ma per i nostri standard occasionali l'A8G era eccellente e non abbiamo notato alcun ritardo nei nostri comandi.

Impressioni sulla qualità dell'immagine

In conclusione, ciò che ci ha colpito di più è stato quanto l'A8G fosse in grado di funzionare in modo simile rispetto all'ammiraglia A9G. Avere un pannello OLED significa che ha gli stessi livelli di nero profondo, contrasto infinito e angoli di visione estremi, ma le somiglianze non finiscono qui. L'A8G è stato anche in grado di funzionare in modo simile nei nostri test di luminosità SDR e HDR, supporta gli stessi protocolli HDR, la copertura del colore era simile mentre le prestazioni di movimento erano buone come quelle che sono state utilizzate dalla tecnologia di Sony.

L'A8G sembra perdere un po 'nelle sue prestazioni di elaborazione poiché il processore X1 Extreme ha meno capacità di elaborazione rispetto alla versione Ultimate dell'A9G e questo significa che mancano alcune funzionalità come Super Resolution basata su oggetti e Pixel Contrast Booster. Anche il ritardo di input sembra essere leggermente superiore rispetto ai televisori di livello superiore, ma rimane comunque a livelli accettabili.

Nel complesso siamo molto soddisfatti di ciò che Sony ha fatto con questo televisore. È riuscita a creare un'offerta più conveniente senza compromettere gran parte delle sue prestazioni di immagine, che alla fine è il fattore numero uno da considerare quando si acquista un TV OLED.

Qualità audio

Anche se non dovresti aspettarti molto quando si tratta di prestazioni audio in una TV flat, A8G è dotato di un sistema audio piuttosto unico chiamato Acoustic Surface Audio. Un sistema simile viene utilizzato anche nell'A9G con "+" alla fine, a indicare che l'ammiraglia utilizza una versione più avanzata di esso. Ciò che questo sistema fa è creare vibrazioni con l'aiuto di un paio di attuatori che sono posizionati dietro lo schermo e questo dà la sensazione che il suono provenga direttamente dallo schermo. In questo modo il suono può essere più sincronizzato con l'immagine e darti una sensazione più realistica.

Il sistema in A8G è molto simile a quello che avevamo testato in A9G ma sembra essere una versione più debole. In quanto tale, quello che vediamo qui presenta 2 attuatori con potenza 10W + 10W e un paio di woofer per ulteriori 10W + 10W. Ma l'A8G non sta solo perdendo potenza, poiché stiamo anche perdendo il supporto Dolby Atmos. Non possiamo dire che questa funzione ci manchi molto perché anche nell'A9G non è riuscita a darci una vera esperienza Dolby Atmos.

In totale diremo che mentre l'offerta di Sony è piuttosto unica nell'implementazione e nel design, il risultato finale non è molto diverso dal suono medio che troviamo nella maggior parte dei flat TV. In quanto tali, diremo ancora una volta ciò che diciamo di solito in queste situazioni. Per una visione casuale, il sistema integrato è più che adeguato, ma se prendi sul serio la tua immersione audio, fatti un favore e acquista un sistema surround dedicato o almeno una soundbar in grado di fornire un audio di gran lunga migliore di qualsiasi TV.

Input

Il layout dei collegamenti segue uno schema simile a quello che avevamo visto nell'A9G e come tale otteniamo due gruppi di connettori con lo sguardo laterale ed è più facilmente accessibile se monti il ​​televisore a parete mentre un secondo gruppo si trova accanto ad esso con alcune porte che guardano verso il basso. Questa è un'implementazione di gran lunga migliore rispetto alle versioni precedenti di LG e preferiamo decisamente la soluzione di Sony.

Cominciamo con le connessioni che guardano prima di lato. Dall'alto verso il basso otteniamo un ingresso IR remoto, un ingresso video composito, un mini-jack per cuffie, una porta blaster IR, 2 porte USB 2.0 per il collegamento di una memoria esterna e un singolo ingresso HDMI. Continuando con il secondo gruppo e da destra a sinistra otteniamo un'altra porta USB solo che questa volta è una versione 3.0 per trasferimenti di larghezza di banda maggiore, altre 3 porte HDMI con HDMI 3 che supporta anche ARC, una porta RS-232C, un'uscita digitale ottica, una porta Ethernet per la connessione cablata a Internet e il solito connettore per antenna / cavo.

Sony non ha ancora supportato il più recente HDMI 2.1, poiché probabilmente dovremo aspettare un altro anno per questo, quindi l'A8G deve accontentarsi solo delle porte HDMI 2.0 / HDCP 2.2 che supportano 4K e HDR a 60Hz. Sfortunatamente, mentre riceviamo il supporto ARC, non esiste un eARC supportato dall'A9G. Inoltre, ci piace avere almeno una porta USB 3.0 poiché la riproduzione di file 4K può essere molto sensibile alla larghezza di banda e l'USB 3.0 può fornire quel tipo di velocità richiesta.

Sistema operativo, app e funzionalità

Anche se quando è stato rilasciato per la prima volta, A8G è stato fornito con il precedente Android TV 7.0, ora è stato aggiornato all'ultima e molto migliore versione 8.0 Oreo, quindi questa è quella di cui parleremo qui. Android è sempre stato dietro a Tizen di Samsung e webOS di LG negli ultimi anni e non importa quanti aggiornamenti stessero facendo i progettisti, non poteva raggiungere gli standard elevati dei suoi concorrenti in quanto era un sistema molto difettoso e problematico.

Ma questo è cambiato con l'ultima versione in quanto Android TV 8.0 si sente molto meglio in ogni aspetto e ci sono miglioramenti ovunque che rendono l'ultima versione di questa piattaforma smart TV avvicinarsi pericolosamente nell'offrire sia una grande funzionalità che una user friendly interfaccia. Può ancora utilizzare alcuni miglioramenti qua e là, ma almeno ora Android non è l'esperienza frustrante che era in passato. Google ha ridisegnato l'interfaccia principale e ora si sente molto meglio di prima. Le impostazioni sono state spostate in alto mentre il sistema operativo di Sony sembra aver visto anche alcuni importanti aggiornamenti.

È stato un paio di volte che abbiamo avuto esperienza pratica con Android TV 8.0 e ci piace di più ogni volta che lo usiamo. Sì, preferiamo ancora Tizen, ma ora è più un gusto personale che un problema con la piattaforma stessa come una volta con le versioni precedenti.

Un problema molto frustrante con le versioni precedenti di Android aveva a che fare con i suggerimenti che dava all'utente che erano per lo più completamente estranei alle sue abitudini di visualizzazione. Non temere perché sembra che questo sia un problema del passato in quanto con Android 8 le cose sono notevolmente migliorate anche sotto questo aspetto. Ora Android ti darà suggerimenti che si adattano veramente a ciò che guardi maggiormente, sia che si tratti di serie, film o suggerimenti di app, rendendo il sistema molto più pratico del disordine inutile che era prima.

Abbiamo anche visto miglioramenti nelle prestazioni generali della piattaforma come la navigazione, l'inizializzazione dell'applicazione e lo streaming. Ora, se questo ha a che fare con i miglioramenti nella programmazione Android o con l'hardware migliore che viene utilizzato, non lo sappiamo, ma sospettiamo che abbia a che fare un po 'con entrambi.

Se c'è un'area in cui Android non ha mai dovuto recuperare è stato il supporto che la piattaforma ha avuto dagli sviluppatori. La quantità di app e servizi disponibili è semplicemente sbalorditiva e in Google Play Store puoi letteralmente trovare quasi tutte le app o i servizi di cui avrai bisogno. Solo per darti alcuni di essi troverai servizi di streaming come Google Play TV & Movies, Netflix, Amazon Video, Hulu, Youtube e Sling TV, nonché piattaforme musicali come Pandora, Spotify, iHeartRadio, Google Play Music e Tidal. Ovviamente molti di essi sono basati sulla posizione, quindi assicurati che quello che ti interessa funzioni nella tua posizione.

Potremmo parlare per ore del vasto supporto e dell'enorme elenco di app disponibili e questo mostra quanto sia forte Android in questo senso. E ora che Android 8 è così migliorato, sarà sicuramente una delle caratteristiche principali che ha contro i suoi concorrenti. Infine, dobbiamo menzionare che sia le app Netflix che Youtube supportano lo streaming 4K insieme all'HDR che non era possibile negli anni precedenti.

Insieme ad Android, abbiamo anche il Chromecast che puoi utilizzare per riprodurre in streaming i contenuti sulla TV da qualsiasi dispositivo abilitato per Chromecast che sia uno smartphone, un tablet o un laptop. Chromecast supporta sia Android che iOS, quindi sei coperto a prescindere dalle tue preferenze.

Con un tale controllo vocale della TV non poteva mancare in quanto riceviamo supporto sia per l'Assistente Google che per Amazon Alexa. Ma mentre per l'Assistente Google puoi utilizzare il microfono integrato del telecomando, per Alexa avrai bisogno di un dispositivo esterno perché funzioni. Con i comandi vocali puoi controllare le funzioni di base della TV oppure puoi trasformare l'A8G nel tuo hub di casa intelligente da cui puoi impartire comandi a tutti i tuoi dispositivi intelligenti nella tua casa come allarmi, termostati, serrature elettroniche, luci e qualsiasi altra cosa che supporta il controllo vocale.

Una piccola differenza che troviamo qui è che mentre nell'A9G avevamo i microfoni sia sul telecomando che sulla TV stessa, l'A8G ha solo il microfono del telecomando con cui lavorare. Ciò significa che non puoi avere l'esperienza completa della mano libera che potresti avere con l'A9G poiché dovrai prendere il telecomando per emettere il tuo comando vocale. Ovviamente se utilizzi un dispositivo esterno questo problema è risolto ma è un'omissione da segnalare.

Per il controllo puoi anche utilizzare l'app remota di Sony che puoi scaricare sul tuo dispositivo mobile. Può controllare molte funzioni della TV ma allo stesso tempo ha alcune limitazioni, come l'assenza di input di testo nei servizi di streaming o il controllo delle impostazioni della TV.

Un'altra caratteristica che otteniamo è il lettore multimediale integrato che può essere utilizzato per riprodurre contenuti sia video, musicali o foto. Abbiamo provato alcuni video per vedere come si comporta e non abbiamo notato alcun problema ad essere onesti sia che si tratti di contenuti 1080p o 4K e guardando l'elenco di compatibilità vediamo che supporta una vasta gamma di formati e contenitori qualcosa di piuttosto insolito per un lettore multimediale integrato. Ovviamente, come abbiamo sottolineato in tali situazioni, non dovresti mai fare affidamento su un lettore del genere per tutti i tuoi contenuti e non sarà mai in grado di avere lo stesso tipo di flessibilità di un lettore multimediale dedicato, ma per lo streaming di formati di base può fare il lavoro bene.

Sfortunatamente una caratteristica chiave che manca e da quello che abbiamo visto che l'A8G non riceverà è l'Airplay 2 di Apple e l'Homekit che l'A9G ha ricevuto tramite un aggiornamento. Il motivo per cui abbiamo lasciato fuori l'A8G non è noto, ma sicuramente molti saranno delusi di saperlo.

Infine una caratteristica che l'A8G ottiene è che questa TV è approvata da IMAX Enhanced. Ciò significa che quando il contenuto IMAX Enhanced sarà ampiamente disponibile, A8G sarà impostato e pronto per visualizzarlo. Ora, ciò che significa è che nessuno può indovinare poiché non abbiamo ancora idea di quali differenze vedremo con quel contenuto. Restate sintonizzati per saperne di più su questo ...

Quando si tratta di funzionalità per smart TV, l'A8G è al completo. Ci sono un paio di omissioni rispetto all'A9G come il microfono integrato sulla TV stessa e nessun Apple Airplay 2 o HomeKit ma oltre a questi due otteniamo il pacchetto completo. Android TV 8.0 è un incredibile aggiornamento rispetto agli anni precedenti e sicuramente una forza da non sottovalutare.

Videos about this topic

Sound Bar vs Sony A8F OLED TV Acoustic Surface? Sound Quality Review
5 Best Sony TV in 2020
LG GX/ CX vs Sony A8 (A8H) 2020 OLED TV Comparison
Sony A8H OLED TV Unboxing, Install, and Practical Review
6 Biggest TV Buying Mistakes to Avoid in 2020 - Buy The Right TV!
Sony A8H vs LG CX (2020) OLED TV – Which One Is Better?